Arles 2015: novità in programma

Nuovo direttore artistico e sezioni tematiche per Les Rencontres de la photographie, Arles 2015, pronto a riconfermarsi come il più grande e antico Festival di Fotografia Contemporanea del Mondo

Per professionisti e appassionati di fotografia, insieme a tutto quello ne lambisce i confini, sta per iniziare una nuova edizione dei Rencontres d’Arles, ricca di nuovi stimoli e iniziative, con Sam Stourdzé (già direttore del Musée de l’Elysée) alla direzione artistica, dopo 10 anni di Francois Hebel.

Da lunedì 6 luglio, il Festival di Fotografia contemporanea più importante del mondo e tra i più antichi, riflettendo sull’essenza stessa di un festival di fotografia, torna ad offrire dibattiti, workshop, incontri, presentazioni, proiezioni notturne al Teatro Antico e visite guidate delle mostre, divise per la prima volta in 6 gruppi tematici, da visitare fino al prossimo 20 settembre.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Si parte dalla fotografia per rinfrescare visioni e sguardo con i REREADING di grandi maestri, dai lavori prodotti per le riviste americane (e meno note) di Walker Evans in mostra con “Anonymous” alla retrospettiva ad oggi più completa di Stephen Shore.

Le RESONANCES della fotografia si concedono invece un dialogo con altre discipline. Con “Las Vegas Studio” e l'architettura del trattato di Robert Venturi e Denise Scott Brown. “American Neon Signs by Night and Day” e la fascinazione per le insegne luminose di motel e dei ristoranti dei viaggi negli Stati Uniti di Toon Michiels. La musica e le immagini delle copertine dei dischi in vinile in mostra con “Total Records” e “The LP Company”, ma anche l'incontro-performance di “Matthieu Chedid meets Martin Parr" con tanto di spettacolo live. A rappresentare l'incontro tra la fotografia e il cinema saranno invece “Fellini 8 1/2 Colour" e il meraviglioso “Malkovich, Malkovich, Malkovich: Homage to Photographic Masters” di Sandro Miller con l’attore John Malkovich.

La fotografia che documenta è la protagonista di THE PLATFORMS OF THE VISIBLE, tra “Congo” di Alex Majoli e Paolo Pellegrin, i paradisi fiscali di Paolo Woods e Gabriele Galimberti, il turismo nei luoghi delle tragedie di “I was here, dark tourism” di Ambroise Tézenas.

I AM WRITING TO YOU FROM A FAR OFF COUNTRY si concentra su angoli di mondo, attraverso i lavori inediti di fotografi noti e quelli essenziali di colleghi sconosciuti, tutti di origine giapponese, raccolti dalla collettiva “Another Language” a cura di Simon Baker, e la ricerca etnografica del missionario tedesco Martin Gusinde sugli abitanti della Terra del Fuoco.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

J-7 avant le festival ! Découvrez les institutions et les lieux arlésiens qui défendent la photographie et s’associent ...

Posted by Les Rencontres de la photographie, Arles on Lunedì 29 giugno 2015

Il paradiso dei strani collezionisti sarà in mostra nella sezione ODD COLLECTORS, mentre EMERGENCES raccoglie nuovi stimoli e talenti emergenti con 5 curatori internazionali (Krzysztof Candrowicz, Louise Clements, Fannie Escoulen,  Claire Jacquet, Francesco Zanot) che presentano i 10 fotografi, Anna Orlowska, Shilo Group, Lisa Barnard, Robert Zhao Renhui, Pauline Fargue, Julián Barón, Delphine Chanet, Omar Victor Diop, Paola Pasquaretta, the Cool Couple che partecipano con una mostra collettiva al “prix Decouverte”.

Ad arricchire il programma di questa ultima edizione anche il nuovo evento satellite dedicato all’editoria fotografica con ARLES BOOKS in uno spazio di oltre 1000 metri quadrati, un premio di 8000 Euro alla migliore pubblicazione (realizzata dal 1 giugno 2014 al 31 maggio 2015) e la s.t. foto libreria galleria di Roma tra i partecipanti.

s-t-arles-2015.jpg

Anche l'AFI (Archivio Fotografico Italiano) raddoppia la sua presenza al Festival, esponendo in uno spazio comunale in rue Plan de la Cour e presso la Galleria l'€™Atelier de L'€™Image in rue du 4 septembre, mentre Claudio Argentiero la rappresenterà alla Lettura Europea dei Portfolio ... e questo non è che un assaggio di quello che passerà per la cittadina del sud della Francia che ha già ispirato Van Gogh, insieme a molti altri.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

L’Archivio Fotografico Italiano raddoppia gli spazi aiRENCONTRES DE LA PHOTOGRAPHIE DI ARLES 2015ed è tra GLI ESPERTI...

Posted by A.F.I. Archivio Fotografico Italiano on Martedì 30 giugno 2015

Anche il fotografo italiano Marco Casino, Leica Ambassador e vincitore del World Press Photo Multimedia Contest 2014, dal 6 luglio sarà a Les Rencontres de la Photographie di Arles con i bambini delle township sudafricane travestiti come le loro madri per il "Penny Penny day", in mostra a cura di Enrico Stefanelli, direttore artistico del Photolux Festival di Lucca, nel palazzo che accoglie la Manuel Rivera-Ortiz Foundation ad Arles.

penny-penny-day-di-marco-casino-ad-arles-2015.jpg

  • shares
  • Mail