Fotografi contro le star della musica, contratti capestro anche per i Foo Fighters

Foo Fighters si comportano come Taylor Swift e obbligano i fotografi a firmare contratti capestro che annullano i loro diritti sulle foto

Foo Fighters

È in atto una vera battaglia tra i cantanti e i fotografi che sono stanchi di sottostare ai contratti capestro delle star, dopo la vicenda di Taylor Swift anche i Foo Fighters sono finiti al centro delle critiche per via delle restrizioni che impongono ai fotografi e quindi anche ai giornali. Il Washington City Paper ha deciso di non scattare le foto al concerto dei Foo Fighters e di usare quelle scattate dal pubblico, pagandole regolarmente.

Il contratto dei Foo Fighters prevede “il diritto di sfruttare la totalità o una parte delle foto in qualsiasi tipo di supporto, ora conosciuti o futuri, in tutto l’universo, in perpetuo, in tutte le configurazioni” il tutto senza richiedere approvazione o pagare il fotografo per le immagine prodotte.

Il Washington City Paper ha deciso di usare le foto del pubblico e pagarle, ma senza chiedere alle persone di firmare alcun contratto con assurde restrizioni. Questa cosa da un lato è ottima perché i cantanti non potranno più avere sotto controllo foto, fotografi e giornali, dall’altro però mi chiedo… che fine fanno i diritti dei fotografi? Probabilmente basterà che ognuno si paghi il suo biglietto, senza più richiedere gli accrediti, ma è giusto dover arrivare a questo?

Foto | petapixel

  • shares
  • Mail