Aggiuntivi ottici VicTsing, la recensione del cambio di prospettiva per lo smartphone

Ho messo alla prova gli aggiuntivi ottici VicTsing fisheye, grandangolare e macro per smartphone

È arrivata l'estate. Molti si staranno godendo il meritato riposo in spiaggia. Peccato che la nostra fedele reflex è sicuramente rimasta a casa. Troppo ingombrante e pesante. Troppa paura di rovinarla con la sabbia. Senza dimenticare il rischio di furti.

Meglio accontentarsi dello smartphone. In fondo la fotocamera integrata anche del modello più economico, specialmente in pieno sole, restituisce immagini più che dignitose in particolare se il nostro unico scopo è la pubblicazione su Facebook o Instagram.

Però è inutile negarlo, ci mancano terribilmente tutte le nostre ottiche con cui giocare a cercare diverse prospettive. La soluzione ci viene offerta dagli aggiuntivi ottici, che ci forniscono dei cambi di angolo di campo rubando pochissimo spazio nella nostra borsa. Si tratta poi di un accessorio molto economico, quindi alla portata di tutte le tasche.

Ho provato per voi la versione della VicTsing. Andiamo a vedere in dettaglio le mie impressioni.

01_dsc_0810.jpg

Impressioni d'uso

Esistono decine se non centinaia di aggiuntivi ottici per smartphone. L'unica vera differenza tra i tanti modelli è il metodo di aggancio allo smartphone. Ci sono quelli che si basano su una cover dedicata. Sono quelli più facili da utilizzare, dato che l'aggiuntivo ottico si fissa sempre con precisione in asse con l'ottica integrata dello smartphone. Ma se si cambia smartphone si deve comprare un'altra cover. Ci sono poi quelli con aggancio magnetico. Per funzionare si devono usare degli anelli metallici adesivi fa fissare intorno all'ottica della fotocamera integrata. Una soluzione non bellissima e anch'essa scomoda se si cambia spesso smartphone. Infine ci sono i modelli con aggancio a clip, proprio come il VicTsing. Grazie alla clip possiamo usare gli aggiuntivi su tutti i nostri telefoni. Unica limitazione lo spessore. La clip si inserisce su smartphone di massimo 15mm di spessore. Nel mio caso infatti non sono riuscito ad utilizzarlo sul mio Samsung Note 3 Neo con la cover flip a causa dello spessore aggiuntivo di quest'ultima. Rimossa la flip cover, come potete vedere nel video in apertura, sono riuscito ad inserire la clip senza il minimo problema. Ovviamente serve un minimo di attenzione nell'allineamento, altrimenti si crea un'evidente vignettatura nell'immagine. Gli aggiuntivi possono poi essere facilmente utilizzati sia sulla fotocamera posteriore che su quella anteriore: una vera pacchia per i selfie. Gli aggiuntivi sono poi in realtà tre. L'aggiuntivo fisheye svolge infatti la sola funzione di fisheye, mentre l'aggiuntivo grandangolare si può separare in due parti. La parte più piccola svolge infatti anche la funzione di aggiuntivo macro, permettendo di mettere a fuoco a circa un centimetro di distanza dal soggetto. Il tutto, come potete vedere dalle immagini di prova, mantenendo inalterata la qualità immagine.

11_20150812_170933.jpg

Conclusioni

Mi ero sempre chiesto se questi aggiuntivi ottici potessero essere davvero utili o almeno divertenti. La risposta è . Ho particolarmente apprezzato in l'aggiuntivo ottico fisheye della VicTsing. Permette infatti di realizzare scatti altrimenti impossibili. Il classico selfie con gli amici è infatti un problema se gli amici sono tanti. Ma grazie al fisheye ci entrano tutti. Le riprese dei bimbi al mare diventano ancora più dinamiche grazie all'orizzonte che diventa curvo sempre grazie al fisheye. Unico difetto per me sono le clip adatte a smartphone di massimo 15mm di spessore. Ne hanno inserite due identiche nella confezione. Non potevano farle di due dimensioni differenti, in modo da essere compatibile anche con smartphone più spessi?

Piace:
- compatibilità con quasi tutti gli smartphone
- qualità dei risultati

Non piace:
- limitazione nei confronti dello spessore dello smartphone

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: