World Press Photo 2016: il primo codice etico per il contest

Il prestigio internazionale del World Press Photo, cresciuto dal 1955 insieme a quello del fotogiornalismo, oscurato dalle polemiche scatenate da inasattezze e manipolazioni riscontrate nelle ultime edizioni, è pronto a condividere il processo di revisione ed elaborazione che ha portato alla stesura del suo primo codice etico per la nuova edizione del concorso di fotogiornalismo.

Dopo cinque mesi di riflessione e consultazione del gruppo di lavoro guidato da Lars Boering, con fotografi, redattori ed editori, in 15 sedi internazionali da Amsterdam a Nairobi, implementato dall'esame dei codici etici delle associazioni di giornalismo ed organizzazioni media, pur constatando quanto la manipolazione sia un problema per l'universo delle immagini in generale, il codice etico è pronto a definire le linee guida a disposizione dei partecipanti del Photo Contest 2016, per le iscrizioni aperte dal 16 dicembre 2015 al 20 gennaio 2016.

Allo scopo di garantire accuratezza e affidabilità delle immagini/storie fotogiornalistiche proposte, gli elementi creativi della fotografia utilizzati dovranno infatti non contemplare la messa in scena e l'alterazione del contenuto, con aggiunta o rimozione dei suoi diversi elementi, tra i parametri della manipolazione ritenuta inaccettabile, definiti insieme alle linee guida per garantire didascalie accurate.

Il tutto corredato dal processo di verifica (di metadati, didascalie e informazioni di supporto ...) vagliato nei cinque giorni tra la decisione della giuria e l'annuncio pubblico dei vincitori. 

Il codice etico, le nuove norme e linee guida chiare per il concorso, corredati da brevi video esplicativi, saranno affiancate anche dalla costruzione di un canale on-line autonomo, coordinato da personale della fondazione e redattori esterni, dove convogliare dibattito, connessioni, progressi, nuovi approcci, opportunità e sfide per il mondo del fotogiornalismo che il World Press Photo ha intenzione di continuare a guidare, offrendo informazioni di qualità, analisi rigorosa, dibattito informato, e gli approcci più creativi alla narrazione.

Aggiornamento alla segnalazione del 2 settembre 2015

world-press-photo-2016-codice-etico.jpg
World Press Photo accetta feedback per il Photo Contest 2016

Mentre le foto dei vincitori del World Press Photo 2015 (nel video) continuano a fare il giro del mondo, facendo tesoro di riflessioni e critiche scatenate dalle due precedenti edizioni del prestigioso premio di fotogiornalismo internazionale, la World Press Photo Foundation ha intrapreso un processo di revisione delle sue regole e linee guida, con particolare attenzione per la questione della manipolazione, esempio pratici su quello che non è ritenuto accettabile e la stesura di un codice etico per il concorso che ha appena festeggiato i suoi primi 60 anni.

Un processo di revisione iniziato lo scoro giugno, dal gruppo di lavoro interno istituito dall'amministratore delegato Lars Boering, consapevole dell'importanza di ascoltare le persone coinvolte nel campo in continua evoluzione del fotogiornalismo.

Consultazioni online e briefing in tutto il mondo, che andranno avanti fino ad ottobre, con ogni fotografo professionista, foto editor, editore o rappresentante di agenzie interessato ad offrire il proprio feedback (inviando una email a contest@worldpressphoto.org~~V) alla messa a punto di nuove regole e linee guida all'apertura del World Press Photo 2016, dal prossimo dicembre.

World Press Photo 15 at De Nieuwe Kerk.Photo © Bas de Meijer / Hollandse Hoogte

Posted by World Press Photo on Mercoledì 27 maggio 2015

Via | World Press Photo

  • shares
  • Mail