Lo sguardo dello Zambia in bianco e nero

Guardare in faccia un paese complesso come lo Zambia richiede lungimiranza e la capacità di cogliere quello che solca rughe, insieme a quanto riesce ad accendere speranze.

Significa guardare i volti del secondo paese africano produttore di rame che da anni avvelena l'aria, l'acqua, la terra ... del quarto al mondo per estensione del disboscamento che paventa deforestazione.

Il paese ospite del Cluster Frutta e Legumi di Expo Milano 2015, con un esempio di democrazia, stabilità politica e crescita economica (rispetto ad altri paesi africani) tale da renderlo uno dei migliori partner della regione subsahariana per gli investitori.

23-paolo-solari-bozzi-munali-coffee-far-m-zambia-2014-silver-gelatin-print.jpg

Volti di lavoratori imbiancati dalla farina dispersa da meccanismi che funzionano male, di bambini che crescono sulle spalle di madri che passano la maggior parte della giornata nei campi, percorrono chilometri di strade sterrate per andare a scuola e arano terreni inariditi con carri trainati dai buoi.

Volti che resistono a tutto, insieme alla bellezza di sguardi puntati su un orizzonte che nutre speranza (probabilmente più di Expo), come quelli protagonisti di "Zambian Portraits” e tutte le sfumature del bianco e nero di Paolo Solari Bozzi.

Zambian Portraits di Paolo Solari Bozzi

Per quattro mesi, nel 2014, Paolo Solari Bozzi ha viaggiato a bordo del proprio fuoristrada in compagnia della moglie Antonella attraverso lo Zambia, in totale autonomia, coprendo oltre diecimila chilometri, per lo più su strade sterrate e spingendosi fino alle zone più remote e sconosciute di questo affascinante Paese, comprese le paludi del Bengweulu, dove gli abitanti non hanno quasi mai incontrato un viaggiatore europeo.

Utilizzando macchine fotografiche meccaniche di medio formato e grandangoli, Paolo ha immortalato in 122 immagini in bianco e nero – sviluppate e stampate personalmente nella sua camera oscura – le persone incontrate, nel loro naturale habitat, per lo più lavorativo.
Nel tentativo di captarne lo stato d’animo, il fotografo si è concentrato sulle loro espressioni facciali, in particolare sui loro sguardi.

Le immagini del reportage fotografico di Paolo Solari Bozzi, sono raccolte nelle 176 pagine del maxi volume edito da SKIRA, esposte alla libreria Hoepli di Milano, fino al prossimo 22 settembre.

Libreria Hoepli
Via Hoepli 5,
Milano
lunedì-sabato, ore 10.00-19.30

03-paolo-solari-bozzi-great-east-road-3-zambia-2014-silver-gelatin-print.jpg

Foto | Zambian Portraits di Paolo Solari Bozzi, Courtesy Skira edizioni

  • shares
  • Mail