Bülent Kiliç fotografa e ricorda Kobane

Il fotografo Afp Bülent Kiliç ricorda la storia della foto scattata al cecchino curdo che guarda la città siriana di Kobanê distrutta

Il fotografo Afp Bülent Kiliç ricorda la storia ditro la fotografia scattata al cecchino curdo che guarda la città siriana di Kobanê distrutta

Documentare, far riflettere, non dimenticare, sono tra le ragioni che spingono i fotoreporter di tutto il mondo in prima linea, mettendo a repentaglio la loro vita e quello che ne resta dopo aver visto e vissuto quello che fotografano.

Le stesse ragioni che spingono i fotografi di Agence France-Presse (Afp) a raccontare in video e condividere con “Mémoires d’un instant” il dietro le quinte delle foto che scattano, come in questo, Bülent Kiliç, racconta la storia della foto che ritrae un cecchino curdo perso nei suo pensieri che guarda la città siriana di Kobanê 'liberata'.

“Era il febbraio del 2005. Fotografavo la guerra in Siria già da quattro anni. L'ultima battaglia era stata a Kobanê tra lo Stato islamico e i combattenti curdi. L'Afp mi ha chiesto di entrare a Kobanê. Siamo entrati ufficialmente dalla frontiera turca insieme al giornalista Burak Akinçi, della redazione di Ankara. All'improvviso un tizio ha fermato il suo camion davanti a me. Era un cecchino. Mi ha chiesto se volevo vedere i combattenti dello Stato islamico che aveva ucciso due giorni prima. In Siria è meglio non fidarsi di nessuno. Molti miei amici sono stati rapiti e alcuni sono stati uccisi. Dopo aver superato tre checkpoint ho capito che potevamo fidarci perché tutti i combattenti di Kobanê lo conoscevano. Mi ha raccontato la sua vita e io gli ho parlato di me. Parlava turco perché aveva fatto il contrabbandiere tra Iran e Turchia prima della guerra. Era un curdo iraniano. Gli ho chiesto di portarmi in un posto dove poter fotografare Kobanê dall'alto. Così ho scattato la foto che lo ritrae, perso nei suoi pensieri davanti alla città distrutta. Pensava a quello che era successo alla città, al fatto di aver ucciso molti uomini e alla grande guerra in cui si era ritrovato. Mi ha chiesto di non rivelare il suo vero nome. Ho scelto lo pseudonimo Moussa, e lui è diventato un'icona per il popolo curdo. Moussa sentiva di aver fatto qualcosa di importante a Kobanê e sperava che la gente lo avrebbe saputo grazie a quella foto”.

Bülent Kiliç

Il racconto del fotoreporter turco di 36 anni che vive a Istanbul e collabora con Afp dal 2007, noto all'attenzione pubblica per le immagini degli scontri di Piazza Indipendenza a Kiev, la tragedia esplosa nella miniera di carbone turche di Soma e la battaglia per Kobane, scelto come miglior fotografo di news del 2014 dalla rivista TIME, al quale non sono mancati premi e riconoscimenti anche nel 2015.

La foto della giovane donna rimasta ferita durante gli scontri tra polizia e manifestanti nella Piazza Taksim di .Istanbul nel marzo 2014, ha vinto il primo premio nella categoria "notizie Spot" dell'ultimo World Press Photo, mentre il terzo premio nella stessa categoria è andato alla sua 'esplosiva' immagine di un attacco aereo contro le posizioni detenute dallo Stato Islamico (IS) di gruppo, su una collina che domina la città di confine siriano di Kobane nel mese di ottobre dello scorso anno. Lo stesso momento ritratto in una foto diversa ha vinto il POYi.

Gli scatti della folla di rifugiati siriani passati attraverso un recinto di filo spinato al posto di blocco della frontiera turca di Akçakale, hanno fatto guadagnare a Bülent Kiliç il "Visa d'Or" per il fotogiornalismo, durante il 27esimo festival internazionale di fotogiornalismo "Visa pour l'Image" di Perpignan.

"In meno di dieci minuti circa ventimila persone si erano ammassate lì. Ho fotografato questa tragedia per quattro ore. Quasi ogni persona aveva con sé un bambino, gridavano e cercavano di passare attraverso il divario. L'apertura era così piccola che la gente si calpestava a vicenda per passarci attraverso, e i bambini venivano passati sopra il filo spinato. Spero di non vedere mai più niente del genere".

Bülent Kiliç

  • shares
  • Mail