Il mondo femminile in Rosso di Giovanni Gastel

Un nuovo viaggio nell'universo femminile Rosso Gastel, colore dell'anima, della vita e della fotografia di Giovanni Gastel

Sappiamo da tempo che il colore rosso è molto più di un una sfumatura cromatica per Giovanni Gastel.

“fin dalla mia giovinezza, mi ha profondamente colpito il racconto di Orfeo e del suo sublime canto per la perduta Euridice, che scatenò la follia amorosa delle donne che lo ascoltavano fino al parossismo di ucciderlo e dilaniare con le unghie il suo corpo. Da allora la leggenda vuole che le donne si tingano, in memoria di lui, le unghie di rosso. Il rosso è sempre stato per me il colore del femminile, del mondo dei sentimenti forti e, in un certo senso, delle dee madri, delle divinità ancestrali. Così, nell'arco del mio lavoro di moda e di ritratto, ho sempre inseguito questo sentimento che si trasforma in tonalità quasi musicale.
Questo colore ricorre nelle mie opere quasi come il nero e il bianco, che ritengo tonalità dell'assoluto. Il rosso è il colore dell'anima e della vita”.

Giovanni Gastel

Donna, Milano 19991
Per chi non ne ha ancora avuto occasione, l'universo femminile Rosso Gastel torna in mostra dal 7 al 21 giugno nello spazio espositivo di Villa Marazzi a Cesano Boscone (Milano), su iniziativa del circolo fotografico Cizanum. L'appuntamento con l'inaugurazione in red è per le ore 11.15 di domenica 7.

Giovanni Gastel | Rosso Gastel
7 – 21 giugno 2015
Spazio espositivo di Villa Marazzi
Via Dante, 47
Cesano Boscone (MI)
venerdì, ore 17-19
sabato e domenica, ore 10.30-12.30, 17-19
Ingresso libero

Rosso: viaggio nel colore delle signore di Giovanni Gastel



Rosso come il fuoco che divampa, il calore che scalda, il sangue che scorre, il tramonto che seduce l’orizzonte, l’amore romantico che avviluppa e quello passionale che consuma.

Rosso come il filo di Arianna e il fervore del Minotauro, cappuccetto rosso e la brama del lupo, il colore con una lunghezza d'onda più lunga di tutti gli altri (tra 630 e 760 nanometri) scatena da sempre uno strano effetto su uomini e animali, folli, appassionati e mino-tauri.

Elisa, 2008

Più di un colore "un’atmosfera" che scatena stati d’animo, quando attira l’attenzione su particolari insignificanti, fascia corpi, accende sguardi e labbra, affila unghie e ha contaminato i ritratti di signora di Giovanni Gastel, protagoniste del viaggio in rosso intrapreso dalla Fondazione Stelline di Milano, con 12 fotografie di grande formato in mostra con Rosso Gastel nel suggestivo Chiostro della Magnolia, fino al 9 settembre 2012.

Via | CLP Relazioni Pubbliche

  • shares
  • Mail