Colori vibranti d'umanità lungo la strada fotografata da Alex Webb

Lungo la strada, con la vibrante umanità fotografata da Alex Webb, in mostra, libri e workshop

La strada che va camminata, sentita, vissuta, resta il territorio di indagine ideale per un reporter come Alex Webb (San Francisco, 1952), reso celebre dal suo singolare modo di raccontare il mondo e la transitorietà del confine, a partire da quello tra ombra e luce che anima composizioni complesse e stratificate, di scatti densi di particolari e letture, profondità e colore.

"Colors are the deeds and suffering of light"

Johann Wolfgang Von Goethe

La strada affollata di umanità, anche quando possiamo solo immaginare quello che celano le tende di una finestra, raccontano le crepe di un muro o di un volto. Quella vissuta e fotografata da Alex Webb in modo empatico, lasciando vibrare il paesaggio con le note emotive del colore, dopo il primo viaggio ad Haiti e la consapevolezza di dover fare i conti con 'l'intenso e vibrante colore di quei mondi'.

"La luce infuocata e la potenza del colore sembravano in qualche modo impressi nelle culture con cui stavo lavorando; era un altro pianeta rispetto alla riservatezza grigio-marrone del New England, nella quale ero cresciuto. Da allora ho lavorato quasi esclusivamente con il colore"

Alex Webb

Il fotoreporter che preferisce definirsi fotografo di strada, che, dopo aver studiato storia e letteratura all'Università di Harvard e fotografia al Carpenter Center for the Arts, ha camminato e attraversato tanti confini, come membro di Magnum Photos sin dal 1979, dai Caraibi al Messico, passando per Cuba e l'Etiopia, la Costa Rica e il Brasile, Haiti, il Messico, la citta dei cento nomi e molte più anime di Istanbul, ma anche tutte quelle che si annidano tra le ombre delle strade di Chicago.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

"Every culture has its own mores, its own traditions; every group of human beings has a different sense of privacy and...

Posted by Alex Webb on Mercoledì 3 giugno 2015

Uno dei “Testimoni oculari” del nostro tempo e degli obiettivi del Cluster delle Spezie di Expo 2015, dove ha portato colori, profumi e tradizioni dell'India, con gli scatti realizzati seguendo la sua personale «via delle spezie» in città, festival e mercati dello stato indiano del Kerala.

"Fotografando per le strade del Kerala, mi ricordo di aver visto il giallo intenso della curcuma ondeggiare come uno scialle luccicante, e, girato l’angolo, di aver incontrato con gioia un foulard tinto di un rosso-peperoncino"

Alex Webb

I colori vibranti, i profumi intensi e le tradizioni caratteristiche, di un paese sospeso tra passato e futuro, uno dei tanti confini attraversati dal fotografo con lo sguardo attento all'ignoto e la pazienza di aspettare l'imprevisto, quello protagonista di “Where tomorrow is yesterday: Fotografie dall’India”.

“Un popolo che usa la stessa parola per dire “ieri” e “domani” non si può dire abbia un solido controllo sul tempo”

Salman Rushdie, “I figli della mezzanotte”

03-alex-webb-bombay-india-1981.jpg

Un titolo ispirato a una frase di Salman Rushdie, per una mostra ospitata nelle sale di Contrasto Galleria (Via Ascanio Sforza, 29) a Milano, fino al 21 novembre 2015, con una selezione di scatti realizzati per l'Esposizione universale e alcune delle sue fotografie più iconiche, come questa, scattata a Bombay nel 1981 e scelta come copertina di “The Suffering of Light”, solo uno dei più di dieci libri che raccolgono gli scatti di Alex Webb, di sicuro una nuova prospettiva con lo sguardo puntato sui colori brillanti di trent'anni di scatti del fotografo.

Contemporaneamente, "Memory City" alla Robert Koch Gallery di San Francisco, fino al 14 novembre 2015, raccoglie l'impatto sociale, economico e psicologico causato dal fallimento della Eastman Kodak nella città di Rochester, in mostra con le foto di Rebecca Norris Webb e del sodalizio sentimentale e professionale che si spinge ben oltre la strada raccolta nelle pagine di "Alex Webb and Rebecca Norris Webb on Street Photography and the Poetic Image".

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

"Memory City" at Robert Koch Gallery, San Francisco. Artist reception and book signing with Alex Webb and Rebecca...

Posted by Alex Webb on Lunedì 31 agosto 2015

A chi è interessato ad incontri e workshop con Alex Webb e Rebecca Norris Webb, consiglio di seguire gli aggiornamenti online, dal blog ai social, ma ricordo che il prossimo workshop in programma, sarà dedicato alla importante arte dell'Editing e si terrà a New York, da giovedì 28 ottobre a domenica 1 novembre 2015.

Foto | Alex Webb Where Tomorrow is Yesterday. Fotografie dall'India, Courtesy Contrasto Galleria

  • shares
  • Mail