La storia della foto mossa della copertina di "Blonde on Blonde" di Bob Dylan

L’album "Blonde on Blonde" di Bob Dylan del 1966 è un’istituzione, un disco passato alla storia per le canzoni ma anche per la foto di copertina che ha fatto sorgere non pochi interrogativi! Una foto carina ma molto sfocata e mossa, uno scatto che la maggior parte di noi avrebbe archiviato come sbagliato e non avrebbe nemmeno fatto vedere ai clienti, meno che mai a Bob Dylan.

In un’intervista, il fotografo Jerry Schatzberg, ha raccontato la storia della foto, perché è stata scelta e perché è mossa. Oggi come allora dietro ogni cosa che un personaggio fa, ci sono mille domande, congetture e supposizioni, tutti si sono chiesti quale fosse il vero significato della foto, se c’era un rimando all’lsd o ad altro.

In realtà non c’era nessun significato nascosto, hanno scattato un po’ di foto nella zona dove oggi ci sono le gallerie d'arte di Chelsea e che a quei tempi era il quartiere di imballaggio di carne di New York, era inverno e c’era freddissimo e sia il fotografo che il cantante tremavano e battevano i denti. Tra tutte le foto, mosse e nitide, Bob ha scelto quella che è poi diventata la copertina.

Anche le foto "sbagliate"... possono piacere!

  • shares
  • Mail