L'assurdo fotoritocco sul selfie di Veerender Jubbal durante gli attentati di Parigi

Quando anche il fotoritocco è malato...

Veerender Jubbal

Provate ad immaginare di vedere un vostro selfie, ritoccato e photoscioppato, per farvi sembrare dei terroristi, provate a immaginare di vedere la vostra faccia sui giornali di tutto il mondo come uno dei terroristi che hanno ucciso decine di persone nel centro di Parigi. Quello che io mi chiedo è come si possa prendere una fotografia dal web, uno scatto di un ragazzo simpatico che si fa una foto in bagno con il suo iPad, ritoccarla e aggiungere elementi che possano trasformare un uomo qualsiasi in un terrorista.

Quale mente malata può fare tutto questo? Qualcuno di affiliato all’ISIS, qualcuno che caldeggia questi attentati. Chi? Nella frenesia del momento, mentre si cerca di coprire i fatti, si è stanchi e le ore di lavoro davanti al pc non ti contano più, è più che normale trovare una foto (su tutte le fonti che si usano) e farci un pezzo. Il problema è che la foto era falsa e Veerender Jubbal, che tra l’altro è un giornalista, si è trovato costretto a giustificare quello scatto, e anche a farlo di corsa, prima che la situazione gli sfuggisse di mano.


Veerender Jubbal ha recuperato lo scatto originale ed ha dimostrato che quello che girava sul web era falso, il suo iPad è stato trasformato in un Corano, sulla camicia gli è stato incollato un giubbotto esplosivo, come se fosse pronto a farsi esplodere. In realtà era un normalissimo selfie in bagno, di quelli che qui su Clickblog prendiamo in giro ogni volta che possiamo. Jubbal, che è un cittadino canadese, ha condiviso la foto su Twitter e ha sottolineato le prese di corrente tipiche del Nord America e presenti in entrambe le foto e poi il suo turbante che è di religione sikh.


Critichiamo tanto il fotoritocco perchè trasforma persone normali in individui perfetti e lontani dalla realtà, purtroppo nelle mani sbagliate anche un normale programma di grafica può rovinare delle vite o, quanto meno, far passare delle ore terribili.

La foto di Veerender Jubbal come presunto terrorista è stata condivisa sui social da tutte le grandi testate nazionali e internazionali ed è stata stampata anche nelle prime pagine di vari giornali. Un errore di una portata davvero incredibile e preoccupante che ci fa capire come, in determinanti momenti, tutto possa essere frainteso, manipolato e gettato in pasto al web e alla gente che, purtroppo, ha solo fame di odio e vendetta.

Noi di Blogo abbiamo sbagliato e ci siamo scusati, spero che lo facciano anche gli altri perché mi sembra doveroso e corretto nei confronti di Veerender Jubbal.


Fonte | petapixel

  • shares
  • Mail