Magnus Wennman fotografa dove dormono i bambini in fuga dal conflitto siriano

Guardare un bambino dormire rasenta l'essenza di quella pace a armonia che molti di noi vorrebbero per un mondo ideale, privato della natura ostile e guerrafondaia dell'essere umano.

Forse è anche per questo che Magnus Wennman ha deciso di documentare la situazione dei profughi siriani per il giornale svedese Aftonbladet, puntando l'obiettivo sui giacigli di fortuna che accolgono sogni e incubi dei bambini in fuga dal conflitto.

Una foto pubblicata da Magnus Wennman (@magnuswennman) in data: 15 Set 2015 alle ore 15:01 PDT

Attraversando l'Europa e il Medio Oriente il noto fotoreporter svedese (vincitore di 2 World Press Photo Awards e 4 Sweden’s Photographer of the Year Award) racconta il dramma della guerra, guardando dormire nel bosco la piccola Lamar in fuga da Baghdad. Abdullah dorme su un vecchio materasso fuori dalla stazione di Belgrado con gli incubi che lo perseguitando da quando ha assistito alla perdita della sorella.

Una foto pubblicata da Magnus Wennman (@magnuswennman) in data: 11 Mar 2015 alle ore 03:30 PDT

Una foto pubblicata da Magnus Wennman (@magnuswennman) in data: 5 Feb 2015 alle ore 10:07 PST

Bambini nati in guerra come Mahdi, appisolato ai piedi del confine Ungherese, o Fara, mentre altri non possono dimenticare il ricordo delle bombe su Aleppo come Walaa.

Tutto quello che succede a 2 milioni di bambini in fuga da una guerra che dura da quasi cinque anni ben oltre i confini nazionali. Quello che l'obiettivo di Magnus Wennman invita a guardare da prospettive diverse (da quelle propinate dalla propaganda di guerra), l'UNICEF invita a sostenere con donazioni a "Bambini in pericolo" e ognuno di noi può contribuire a cambiare, anche solo acquistando una foto autografata che devolve tutto all'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Hi all :-)Now is your chance to buy this signed print and do a good deed at the same time. All the money goes to the...

Posted by Magnus Wennman on Mercoledì 4 novembre 2015

Il progetto resta anche in mostra al Fotografiska Museet di Stoccolma, fino al 7 febbraio 2016.

  • shares
  • Mail