Nikon Live! Ancona, il teatro delle Muse diventa il palcoscenico della fotografia

Vi racconto le mie impressioni sul recente Nikon Live! Ancona

Una volta c'erano le fiere della fotografia. Uniche e sole occasioni in cui gli appassionati potevano toccare con mano i prodotti dei loro sogni e magari stringere la mano ai professionisti della fotografia. Negli ultimi anni però la fiera della fotografia per antonomasia, ovvero il Photoshow, ha avuto qualche difficoltà.

L'edizione del 2014 è stata infatti annullata e quella appena conclusasi del 2015 non è stata del tutto convincente. Nel frattempo molte aziende hanno cambiato approccio: invece di aspettare il Photoshow hanno deciso di organizzare in proprio degli eventi. Ne sono un esempio il Fujifilm X Evolution Tour 2015 oppure il Fowa Photo Tour 2015.

Ho avuto la possibilità di partecipare al Nikon Live! Ancona ed effettivamente la differenza nell'organizzazione è evidente. Differenza che premia la Nital. Indubbiamente un discorso è il lavoro degli organizzatori del Photoshow, necessario a mettere d'accordo tante aziende e tante esigenze, un'altro è il lavoro in piena autonomia svolto dalla Nital.

Ma il risultato in ogni caso è da apprezzare. Innanzitutto la sede scelta: il Teatro delle Muse. Un palcoscenico letteralmente unico dove mettere in mostra i propri prodotti ed i propri professionisti. Unico appunto in questo senso è proprio la complessità della struttura, un vero e proprio labirinto.

All'inizio era difficile orientarsi nei vari spostamenti da una zona all'altra. Prezioso in questo caso il numeroso personale presente, sempre pronto a dare indicazioni ed anche ad accompagnare personalmente. Una volta capito come spostarsi c'era poi l'imbarazzo della scelta. Quattro sale diverse con conferenze, presentazioni, workshop e letture portfolio.

07_p1020810.jpg

Oltre alla zona dove provare la fotocamere e le ottiche Nikon, insieme ai prodotti delle aziende partner. C'era quindi la possibilità di fare qualche scatto con le nuove pellicole Impossible Third Man Records oppure con un mostruoso Nikkor 600mm. Ma soprattutto di poter ascoltare come interpretano la fotografia professionisti del calibro di Mimmo Basile, Denis Curti, Efrem Raimondi, Mirco Lazzari, Gigi Soldano e tanti altri.

Peccato che la sala posa era troppo piccola ed affollata. Era quindi molto difficile seguire le preziose indicazioni tecniche di Francesco Francia ed altri. Un altro peccato è stato quello di non essere riuscito a strappare a Giuseppe Maio di Nital nessuna informazione in più sulla nuova Nikon D5.

Ma al di là di questo è evidente che è possibile organizzare fiere che vengano apprezzate dal pubblico. Riempire il Teatro delle Muse, che è il più grande teatro delle Marche ed il tredicesimo in Italia, non è facile. Ma il Nikon Live! Ancona ci è riuscito. Gli organizzatori del Photoshow dovrebbero prendere ispirazione proprio da questi eventi "indipendenti" per far sì che il Photoshow 2016 sia quello che purtroppo non è più da anni.

  • shares
  • Mail