All'Olympic Stadium di Phnom Pehn con Marion Gambin

Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Le Olimpiadi impazzano senza quasi lasciar fiato e c'è chi, in piena ondata sociologica, riporta agli onori della cronaca una vecchia storia di sport. La giovane fotografa Marion Gambin ha fatto rotta su Phonm Pehn per un reportage che svela il destino odierno di un prodigio architettonico figlio dei lontani anni'60: l'Olympic Stadium.

Realizzato su progetto dell'eminente architetto cambogiano Van Molyvann e completato nel 1964, avrebbe dovuto costituire la "punta di diamante" dei Giochi del Sud-est asiatico previsti per il 1963, e poi annullati a causa dei problemi politici del paese. Un edificio che, all'epoca della sua costruzione si trovava alla periferia della capitale e che l'intenso sviluppo urbano ha portato a due passi dal centro. Ma considerarlo una semplice reliquia del passato, sarebbe un grande errore, perché se ha ospitato alcuni momenti cruciali dell'ultimo mezzo secolo, come il celebre discorso di Charles de Gaulle (tenutosi il primo settembre 1966) o l'esecuzione da parte dei Khmers rossi degli ufficiali dell'amministrazione di Lon Nol, il bel gigante ha ancora altro da raccontare.

Sulle sue scalinate, tra gli anfratti ombrosi e nella frescura della piscina, una popolazione colorata approfitta delle attrezzature erose dal tempo. Le immagini catturate da Marion danno nuova vita a questi volti e sottolineano alcuni momenti di serenità, in un posto già sporco di sangue.

Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved
Olympic Stadium, © Marion Gambin | All rights reserved

Via | mariongambin.com

  • shares
  • Mail