Someone once told me

someone once tolde me progetto di mario caciottolo

La condivisione delle proprie esperienze di vita attraverso un blog su internet è diventata ormai una routine per molte persone sparse per il mondo. C’è chi lo fa attraverso le parole, chi attraverso delle immagini.

Il londinese Mario Caciottolo ha esteso i confini di questo concetto attuando un audace progetto fotografico intitolato “Someone once told me”. Egli ha iniziato a fotografare le persone con in mano un messaggio scritto, una frase che i soggetti si sono sentiti dire e che hanno voluto esporre attraverso una fotografia.

Il lato antropologico e culturale del lavoro è evidente, in quanto dietro ai messaggi che ognuno mostra ci sono storie e vite personali, le quali vengono esposte e mostrate al pubblico. L’idea del fotografo non si ferma qui, infatti egli invita attraverso il sito del progetto tutti coloro che vogliono partecipare a inviargli le loro fotografie, basta che queste seguano una linea estetica comune.

Il risultato finale sarà quindi un “open source” di immagini e messaggi provenienti da tutto il mondo, un modo nuovo e democratico di vedere la fotografia.

Via | digital crushes

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: