War Reporters: Nachtwey e la fotografia indipendente nella campagna 2016 di RSF

Senza i giornalisti indipendenti, la guerra sarebbe lo spettacolo pulito, fiorito e benservito dai governi dei vari paesi in conflitto, con la complicità dell'informazione manipolata e corrotta.

Sarebbe lo show senza cicatrici e conseguenze dei conflitti che apre War Reporters, la campagna 2016 di Reporters sans frontières (Reporter Senza Frontiere o Reporters Without Borders che dir si voglia) per sostenere chi rischia la vita per mostrarci le numerose sfumature e contraddizioni della realtà che le immagini ufficiali non mostrano.

Reporter di guerra che scattano e documentano la realtà in prima linea, rischiando ogni istante la propria vita, come Robert Capa, al quale è dedicata la pubblicazione del 50° libro della serie “100 photos for press freedom” di RSF.

james-nachtwey-per-war-reporters.jpg

Come James Nachtwey che ha pronunciato un potente discorso sul potere della fotografia di cambiare il mondo, ricevendo il Lifetime Achievement Award dall'American Society of Magazine Editors nei primi mesi del 2015, tra i "War Photographer" del documentario di Christian Frei (nel video a seguire), tra i grandi fotografi in mostra nel 2016 al Palazzo della Ragione Fotografia di Milano.

  • shares
  • Mail