Stanley Kubrick sul set di "Arancia meccanica" fotografato da Dmitri Kasterine

Sul set del cult distopico innescato da Stanley Kubrick, con gli scatti in bianco, nero e violenza di Dmitri Kasterine

«Eccomi là. Cioè io, Alex, e i miei tre Drughi. Cioè Pete, Georgie e Dim»

Alex e i suoi Drughi. Impossibili da non riconoscere all'orizzonte brumoso dell'immaginario di ultraviolenza di A Clockwork Orange, "strano come l'arancia ad orologeria" della frase Cockney (bizzarro dentro, apparentemente normale e 'naturale' fuori) che ha innescato il romanzo distopico di Anthony Burgess nel 1962, il cult cinematografico di Stanley Kubrick nel 1971.

Un capolavoro fanta-socio-politico sin dal titolo che la visionaria scrittura, tecnica, scenografia antropomorfa e partitura musicale reazionaria (dalla Gazza Ladra di Rossini a Singin’ in the Rain, passando per la nona sinfonia di Beethoven) insieme alla censura e reazioni disturbate delle sue creature, da 45 anni fanno riflettere sulla natura sociale dell'uomo, il libero arbitrio (della Cura Ludovico) e gli effetti del condizionamento psicologico e culturale.

La stessa partitura cinematografica che costò a Kubrick il ritiro della pellicola dalle sale inglesi nel 1974 e una circolazione centellinata sul piccolo schermo sino ad oggi (nella tv pubblica italiana solo nel 2007), da sbirciare dietro le quinte grazie agli scatti realizzati da Dmitri Kasterine sul set del film.

Dopo impieghi come mercante di vini, broker, pilota di aerei e di auto da corsa, Dmitri Kasterine inizia a lavorare come fotografo per diverse agenzie e riviste nel 1961, mentre imperversa la swinging London ed è già arrivato al cinema Orizzonti di gloria (Paths of glory, 1957), il film che il fotografo andrà a vedere dietro suggerimento di un agente che lavora per Kubrick.

Rimasto estasiato dalla pellicola, Kasterine propone all’editore di Queen, per cui lavora, un articolo sul regista e si reca agli Shepperton Studios durante le riprese de Il dottor Stanamore (Dr. Strangelove, 1964). A quanto pare, alla fine di quella giornata sarà Kubrick stesso a chiedere a Kasterine di lavorare per lui: «You stand in the right place», sui set di 2001: Odissea nello Spazio e Arancia Meccanica.

Da Clockwork Orange arrivano questi scatti del making of, in bianco, nero e grottesca violenza, dei protagonisti e del regista, sul set che si sposta dal sottopassaggio londinese del distretto di Wandsworth dove Alex e i suoi Drughi aggrediscono l'anziano senzatetto, alla scena dello stupro nella villa piena di gatti e falli progettata dal celebre Sir Norman Foster.

17 fotografie che promettono di dare la carica anche senza Latte+ e la ONO arte contemporanea di Bologna, in occasione del 45° anniversario dall’uscita del film, si prepara ad esporre, contemporaneamente a Bowie before Ziggy. Fotografie di Michael Putland.

A Clockwork Orange. Fotografie di Dmitri Kasterine
19 marzo - 7 maggio 2016
Opening, sabato 12 marzo, ore 18.30
ONO arte contemporanea
via santa margherita, 10
Bologna

Foto | Stanley Kubrick – Arancia Meccanica. Fotografie di Dmitri Kasterine, Courtesy ONO arte contemporanea

  • shares
  • Mail