Asta di Fotografia: da Araki a Ventura, Ghirri e Goldin tra più di 200

Valore e stima della fotografia all’asta, da Araki a Secchiaroli, da Ghirri a Giacomelli, Basilico e Doisneau, con Capa, Kenna e Goldin tra i tanti

Non serve la classifica delle fotografie più pagate di sempre, per sapere che il valore di un'opera di qualsiasi genere non corrisponde sempre al prezzo che strappa al mercato dell'arte, ma resta comunque difficile fare stime, soprattutto quando le fotografie che finiscono all'incanto sono le stesse che amiamo e vorremmo tanto fare 'nostre'.

A questo proposito potrebbe essere interessante approfittare della stima delle oltre 200 opere di grandi fotografi italiani e internazionali, battute all'asta il prossimo martedì 10 maggio, nella sede romana di MINERVA AUCTIONS a Palazzo Odescalchi.

L'occasione ideale per tornare nella Modena di Luigi Ghirri (€ 2500-3000) e al pascolo con la prima produzione di Gabriele Basilico (€ 800-1.000 euro), volteggiando con il celebre rondò dei Pretini di Mario Giacomelli (€ 5000-7000) in mostra a Palazzo Braschi fino alla fine del mese, spaziando tra generi e prezzi, tra l'erotico Untitled, from Pseudo Diary di Nobuyoshi Araki (€ 2.000-3.000) e il sensuale Nu, Soho (€2400-2800) di Lucien Clergue, una Una notte con Marilyn ( €1.800-2.500) di Douglas Kirkland e i felliniani La dolce vita di Tazio Secchiaroli (€ 250-500) e 8 e ½ (€500-700)di Paul Ronald.

Tra i lotti anche La Coubre (stampa alla gelatina ai sali d’argento, stampa successiva, cm 24 x 36,5; stima € 800-1200) di Venancio Diaz Maiquez, che ricorda un avvenimento del 4 marzo 1960, quando due grosse deflagrazioni nel porto de L’Avana avevano provocato l’esplosione della “La Coubre”, una nave mercantile francese il cui carico era composto da un arsenale di munizioni provenienti dal Belgio: l’arrivo di tale carico aveva ricevuto una forte opposizione da parte degli Stati Uniti, e per tale ragione Fidel Castro accusò la CIA quale responsabile dell’attentato.

Tra i lotti e le relative stime, si spazia tra i ritratti di Nan Goldin e i travestiti di Lisetta Lisetta Carmi, dai paesaggi di Michael Kenna al fashion di Karl Lagerfeld, dal colore di Franco Fontana alla fotodinamica di Anton Giulio Bragaglia

Da André Kertész a William Klein, non mancano Philippe Halsman, Joel Meyerowitz, Harry Callahan, Robert Doisneau, Lucien Clergue, Graciela Iturbide, Jacques-henri Lartigue, Florence Henri, Robert Capa, Willy Ronis e Leni Riefenstahl, insieme a Gianni Berengo Gardin, Ugo Mulas, Mimmo Jodice, Paolo Gioli, Mario Cresci, Gian Paolo Barbieri, Paolo Ventura, Mario De Biasi, Mimmo Jodice, Mimmo Castellano, Stanislao Farri, Riccardo Moncalvo, Federico Vender, Luigi Veronesi, mentre a questa lista che sapzia tra generi, stili e stime, mancano ancora in tanti.

Tutte le opere all'asta, sono in parte nella gallery che apre questa segnalazione, per intero nell'esposizione che precede la mostra, nel catalogo online e tra le pagine digitali di issue.

Forte del successo della precedente, all'incanto lo scorso 2 dicembre 2015, l’asta 124 organizzata dalla responsabile del reparto Marica Rossetti, con la consulenza di Denis Curti, direttore della Casa dei Tre Oci di Venezia e direttore artistico della Galleria STILL di Milano, sarà battuta nel primo pomeriggio del 10 maggio, mentre nei giorni precedenti è possibile approfittare dell'esposizione delle opere.

Minerva Auctions
n. 124 Fotografia

martedì 10 maggio 2016, ore 16.00

Esposizione
lunedì 9 maggio 2016, ore 10-18
martedì 10 maggio, ore 10-13

Palazzo Odescalchi
piazza SS. Apostoli, 80
Roma

Foto | Asta 124 di Fotografia, Courtesy MINERVA AUCTIONS

  • shares
  • Mail