Canon EOS 80D, la recensione della reflex che pone l'attenzione sull'autofocus

Ho messo alla prova la Canon EOS 80D, una reflex APS-C con autofocus dotato di 45 punti a croce funzionanti fino a -3 EV

Recentemente ho avuto l'occasione di provare reflex digitali, che invece di puntare tutto sulla ormai noiosa corsa ai Megapixel , preferiscono puntare su altri aspetti tutt'altro che secondari. Ad esempio l'autofocus. Infatti, come ho già scritto più volte, una foto può avere la risoluzione sufficiente a stampe di sei metri per tre, ma se è sfuocata risulta sufficiente solo per il cestino.

Quindi fa piacere leggere la scheda tecnica della nuova Canon EOS 80D, dove per l'appunto spicca la presenza di un autofocus a 45 punti a croce, di cui 27 punti che supportano ottiche f/8, tutti funzionanti fino a -3 EV. Un sistema poi facilmente gestibile senza staccare mai gli occhi dal mirino, grazie ad un tasto dedicato a portata di indice.

Ma procediamo con ordine, iniziando con le prime impressioni.

Proviamo un po' questa Canon 80D! #canon #canoneos #canoneos80d #canon80d #reflex #dslr #lego #legominifigures #minifigsme #blogo #clickblog

Una foto pubblicata da Gianluca Bocci (@gianluca.bocci) in data: 9 Mag 2016 alle ore 23:23 PDT

Prime impressioni

L'ergonomia della Canon EOS 80D è indubbiamente ottima: prenderla in mano ed iniziare a scattare è immediato e piacevole. Ci sono tante ghiere e pulsanti che rendono facile la configurazione di tutti i parametri di scatto. Inoltre la presenza del touch screen risulta ancora più preziosa in questo senso. Caratteristica che ho particolarmente apprezzato insieme al fatto che il monitor sia completamente orientabile. A mio avviso infatti ogni fotocamera, sia professionale che amatoriale, dovrebbe essere dotata sia di touch screen che di monitor completamente orientabile: sono due caratteristiche che fanno davvero la differenza nella facilità d'uso. Una facilità su questa fotocamera che si apprezza per la prontezza dell'elettronica, dal bilanciamento del bianco all'esposizione, senza dimenticare per l'appunto l'autofocus, a cui ho dedicato particolare attenzione nella recensione video. La prontezza dell'autofocus è sicuramente anche aiutata dalla nuova ottica Canon EF-S 18-135mm f/3.5-5.6 IS USM che ho avuto in prova, dotata di Stepper Motor Technology: la messa a fuoco risulta per l'appunto veloce, precisa e silenziosa. Quest'ottica può poi essere accessoriata con il Canon Power Zoom Adapter PZ-E1, diventando così uno zoom motorizzato, ideale per chi si dedica al mondo video. Restando in tema, i videomakers apprezzeranno poi sicuramente il fatto che ci siano ingressi ed uscite dedicate rispettivamente a microfono e cuffie, collocate su sportellini separati, in modo da evitare che i cavi si intralcino tra di loro.

07_img_0171.jpg

Qualità immagine

I files JPG prodotti dalla Canon EOS 80D sono ottimi sia per il web che per la stampa. Le differenze rispetto al formato RAW sono minime: quest'ultimo ha semplicemente meno saturazione e un ancora più evidente dettaglio fine. Sul fronte della sensibilità i file sono ottimi dai 100 agli 800 ISO. Salendo dai 1600 ai 6400 ISO si inizia a notare in modo evidente l'intervento della riduzione rumore, che porta via il dettaglio fine. Salendo di sensibilità si perde progressivamente anche il dettaglio medio, tanto che i massimi valori di 12800 e 16000 ISO restano utilizzabili unicamente per il web o per le stampe di piccole dimensioni.

08_img_0184.jpg

Conclusioni

Ma che risoluzione ha la nuova Canon EOS 80D? Beh, in effetti sono dovuto andare a consultare la scheda tecnica in quanto è un dato che non mi è rimasto impresso. Perché ormai tutte le reflex hanno una risoluzione più che sufficiente a soddisfarre le esigenze della stragrande maggioranza degli appassionati ed anche dei professionisti. Quindi ben vengano nuove caratteristiche oppure ancora meglio sostanziali miglioramenti delle funzionalità davvero indispensabili come l'autofocus. Ne è la dimostrazione proprio la Canon EOS 80D, che ho apprezzato per molte cose, ma soprattutto per un autofocus che non ti tradisce mai, neppure quando persino i tuoi occhi faticano a distinguere i dettagli. Ah, giusto: ha una risoluzione di 24 Megapixel.

Piace:
- qualità immagine
- ottima ergonomia
- touch screen completamente orientabile
- precisione e gestione dell'autofocus

Non piace:
- riduzione rumore un po' troppo evidente

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: