Google Art Camera, la fotocamera dedicata alle opere d'arte

Nel 2011 Google ha fondato il Google Cultural Institute, un progetto ambizioso che aveva ed ha come missione principale la digitalizzazione in alta risoluzione del patrimonio artistico custodito nei più importanti musei del mondo. Il progetto è iniziato sin da subito e tra il 2011 e il 2015 ha permesso la scansione in alta risoluzione di circa 200 capolavori. Da oggi però tutto cambia grazie alla nuova Google Art Camera, una fotocamera sviluppata dal Google Cultural Institute che serve per creare delle immagini dei dipinti con la più alta risoluzione possibile, questa macchina è facilissima da utilizzare e quindi alla portata di tutto.

Google Art Camera

Le foto delle opere vengono fatte posizionando la Google Art Camera esattamente di fronte al quadro appeso alla parete, si fanno delle regolazioni e poi inizia fase di scannerizzazione centimetro per centimetro di tutta la superficie del dipinto. I dati raccolti vengono poi inviati ai server di Google che li elabora e li trasforma in un unico file a risoluzione gigapixel. In pochi mesi sono già stati digitalizzati più di 1.000 opere.

Il Google Cultural Institute ha dichiarato:

“Migliaia di utenti sulla piattaforma del Cultural Institute esplorano centimetro per centimetro le nostre immagini ad altissima risoluzione, scoprendo ogni volta qualcosa di nuovo come una firma nascosta o i singoli tocchi di colore che creano l'effetto di acque mosse e luccicanti”.

La Google Art Camera è data in prestito gratuitamente ai musei per scannerizzare le opere e renderle fruibili a tutti.

Fonte | theverge

  • shares
  • Mail