HELMUT NEWTON. A Gun For Hire, Selection

Mentre la grande retrospettiva di Helmut Newton scalda l'estate del Foam di Amsterdam e l’evoluzione cronologica, espressiva ed evolutiva dello stile, della forma e dell’estetica di Newton, uscita dalle pagine di White Women (1976), Sleepless Nights (1978) e Big Nudes (1981) si prepara al lasciare la Giudecca di Venezia per il Palazzo Ducale di Genova, una mostra ancora inedita in Italia è pronta a raggiungere la città emiliana di Carpi.

La celebre e itinerante "A gun for hire", partita da Montecarlo nel 2005, con il contributo dirompente, anticonvenzionale e rivoluzionario, infuso da Helmut Newton alle campagne delle griffe più importanti del mondo della moda, arriva per la prima volta in Italia, con le immagini scattate da Helmut Newton per le campagne promozionali del marchio Blumarine, tra le eccellenze del distretto tessile della città emiliana.

Campagne che scatenano la femminilità più audace, giocosamente provocante ed elegantemente allusiva, interpretata da modelle come Carré Otis e Carla Bruni, da Monica Bellucci a Eva Herzigova, mentre Newton rende l'esperimento di comunicazione ancora più libero da concept e storyboard, entrando letteralmente in campo, con ombre fugaci o il piede pronti a stravolgere e coinvolger la prospettiva dello spettatore.

HELMUT NEWTON. A gun for hire, selection a Carpi


L’esposizione carpigiana a cura di Luca Panaro, realizzata in collaborazione con Helmut Newton Foundation di Berlino e Blumarine, si concentra in modo specifico su una parentesi ben definita della lunga e appassionante vicenda creativa del fotografo: quella che lo ha visto portare a compimento le campagne per sette diverse collezioni di Blumarine, partendo dalla Primavera – Estate 1993 per arrivare all’Autunno – Inverno 1998/1999.

Un progetto, per quegli anni, epocale. È la prima volta, infatti, che un marchio italiano legato all’idea tradizionale di impresa famigliare, idealmente rivolto quindi all’eleganza della donna borghese, sceglie di presentarsi in modo tanto innovativo, rivoluzionando il proprio modo di comunicare in favore di un’idea di femminilità più eccentrica, giocosamente provocante.

La mostra, allestita nelle logge al piano nobile di Palazzo dei Pio, si compone di 34 fotografie di grande formato che documentano le campagne dell’artista per Blumarine e di altri dodici scatti, sempre parte del progetto A Gun for Hire e inediti per l’Italia, dedicati invece a lavori effettuati da Newton, nel medesimo periodo, per brand come Versace, Yves Saint Laurent e Thierry Mugler: un confronto serrato, dunque, che contestualizza i progetti pensati per l’impresa carpigiana all’interno dell’esperienza professionale dell’artista e dei canoni di comunicazione dell’alta moda in quel preciso momento storico.

A completare l’esposizione altri sette scatti dalle campagne Blumarine, mai esposti prima, dalla collezione privata di Anna Molinari, fondatrice con il marito Gianpaolo Tarabini dell’azienda; i book delle stagioni realizzati con le campagne fotografiche di Newton e due album inediti con le fotografie e le annotazioni dell’autore. Infine, nella Sala dei Mori, vengono presentate testimonianze video che presentano attraverso interviste e documentari la figura di Helmut Newton e il suo credo artistico.

martedì-domenica, ore 10-13
giovedì, sabato, domenica e festivi, ore 10-13 e 15-19
lunedì chiuso
Ingresso: intero 5 euro, ridotto 3 euro

10 settembre – 11 dicembre 2016
Musei di Palazzo dei Pio
Piazza dei Martiri, 68
Carpi (MO)

Foto | HELMUT NEWTON. A gun for hire, selection © The Helmut Newton EstateMaconochie Photography
Via | CLP Relazioni Pubbliche

  • shares
  • Mail