Oggi è la festa di: Paolo Fusco nei parchi giochi romani

Nelle gabbie colorate dello spazio di gioco e festa dei Baby parking fotografati da Paolo Fusco

Con l'obiettivo puntato sulla capitale italiana dove vive e lavora, Paolo Fusco sposta il suo campo di indagine, dalle visioni urbane sinistre e misteriose dei chioschi di Fiori aperti 24 ore su 24 (e sempre vuoti), a quelle ipercolorate ad alto tasso di plastica dei Baby parking, dove ormai adulti di ogni età ed estrazione sociale 'parcheggiano' il tempo libero e di festa dei loro bambini.

L'attenzione del fotografo esplora le architetture ludiche di luoghi concepiti per 'accogliere e delimitare' lo spazio di gioco di festeggiamenti personalizzabili, con un format standard ben collaudato, sintetizzato dalla parete scelta come manifesto e titolo del progetto Oggi è a festa di ... (il nome del bambino festeggiato cambia ogni volta senza alterare di una virgola l'architettura ludica).

Negli ultimi anni, le feste di compleanno sono molto cambiate per i bambini che abitano a Roma. Fino a poco tempo fa, le feste venivano celebrate nella casa dei genitori, con un ristretto numero di amichetti, costantemente tenuti sotto controllo dagli adulti.

Oggi, la tipica festa di compleanno si svolge all’interno di piccoli parchi giochi, dove tutto è “a prova di bambino” e i bambini possono giocare e divertirsi, con poche regole da rispettare e una minima supervisione da parte degli adulti. Questo cambiamento di abitudini comporta un cambiamento nei ricordi che i bambini legheranno ai propri compleanni, che saranno per sempre legati a questi posti, ai colori e alle immagini che in questi parchi vengono usati.

Le foto di questa serie vogliono descrivere l’estetica di questi parchi e, con essa, i ricordi che i bambini che li frequentano avranno dei propri compleanni.
Paolo Fusco

Parchi giochi con rigide strutture colorate che ricordano il tentativo artistico di Mondrian, pronto ad accogliere nei suoi rettangoli la realtà immutabile delle cose mutevoli, e non poco il meccanismo del celebre twisty puzzle del cubo di Rubik, inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik e reso il rompicapo più Pop(-olare) dalla Ideal Toys negli anni '80.

Gabbie psichedeliche, con strutture tali da aggiudicarsi il primo premio nella sezione architettura del Rovinj Photodays 2016 croato e arrivare in mostra al KAUNAS PHOTO festival, in Lituania dal prossimo 19 agosto, prima di vederlo tornare a casa con il bottino di gioco.

Foto | Oggi è la festa di ... © Paolo Fusco, Courtesy autore

  • shares
  • Mail