Leica Summaron 2.8cm F5.6, il minuscolo grandangolare per Leica M

Il Leica Summaron 2.8cm F5.6 si basa sull'originale con attacco a vite, mantenendo caratteristiche come la lunghezza di soli 2cm

Nella fotografia di reportage è fondamentale la discrezione. Meglio avere quindi un'ottica dalle dimensioni minime. Meglio avere una focale grandangolare, in modo da poter scattare anche senza sollevare la fotocamera e avere comunque la certezza del soggetto nell'inquadratura. Meglio infine avere una bella scala delle distanze, in modo da poter fotografare in iperfocale, assicurandosi la corretta messa a fuoco anche senza portare la fotocamera all'occhio.

Tutto questo offre il nuovo Leica Summaron 2.8cm F5.6. Beh, onestamente non proprio del tutto nuovo. Il progetto prende a modello la versione con attacco a vite prodotto nella fabbrica Leitz a Wetzlar dal 1955 al 1963. La nuova versione, oltre alla nuova baionetta Leica M e alla codifica a 6 bit, risulta ottimizzata senza però stravolgere le sue caratteristiche.

Due centimetri di lunghezza, scala delle distanze, messa a fuoco con elicoide lungo. Il tutto impreziosito da dettagli come il paraluce ricavato dell'ottone massiccio. Non si sa ancora quando il Leica Summaron 2.8cm F5.6 sarà in vendita, ma si conosce il prezzo di lancio previsto, pari a 1900 Sterline.

Via | Leica

  • shares
  • Mail