Nikon Coolpix A300, la recensione della compatta superconnessa

La mia prova della Nikon Coolpix A300, una compatta da 20 Megapixel con connettività Wi-Fi, NFC e Bluetooth

Il mercato delle compatte di fascia bassa è in crisi, non è certo una novità. La ragione è altrettanto ovvia. Uno smartphone di pari costo di una compatta di fascia bassa offre grossomodo una qualità immagine di pari livello. Inoltre lo smartphone permette di fare facilmente quello che la maggior parte delle persone preferisce fare: condividere le immagini sui social network.

Una foto scattata con una compatta dovrebbe essere invece scaricata sul computer e poi inviata su servizi come DropBox prima di poter essere ad esempio condivisa su Instagram. Delle operazioni macchinose e complesse. Operazioni che invece risultano nettamente più semplici se stiamo usando una Nikon Coolpix A300.

Questa compatta con sensore da 20 Megapixel vanta infatti una connettività ai massimi livelli, essendo dotata di Wi-Fi, NFC e Bluetooth. Grazie poi all'app dedicata SnapBridge si possono facilmente condividere gli scatti appena effettuati, oltre a poter controllare da remoto la fotocamera con tanto di Live View.

Ma procediamo con ordine, iniziando con le prime impressioni.

Prime impressioni

La Nikon Coolpix A300 è davvero minuscola e leggerissima. Nessun problema a portarla sempre con sé anche nella borsa più minuscola. Ma nonostante pesi e dimensioni si impugna molto bene, grazie ai rilievi a portata di pollice e alla scritta zigrinata "Nikon" a portata di medio.

I tasti e le ghiere sono bel collocati e di dimensioni non troppo ridotte: non ho avuto difficoltà a usarli nonostante le mie manone extralarge. Nell'utilizzo istintivo non serve passare per i menù. Diventano necessari solo se ci si vuole divertire con gli effetti speciali oppure con la già citata connettività.

La configurazione di quest'ultima non è in realtà immediata nonostante la presenza dell'NFC, specialmente se non si è degli appassionati di giocattoli tecnologici. Una volta terminata la configurazione tutto procede però senza altri intoppi. Ho in questo caso apprezzato particolarmente il controllo remoto, che consente di inquadrarsi perfettamente nei selfie e negli autoscatti con gli amici.

Non ho invece apprezzato la visibilità del display da 3", che varia in modo evidente inclinandolo e se ci si trova in un ambiente fortemente illuminato. Spesso le foto risultano con colori sgradevoli e fuori fuoco. Quando poi si scaricano le foto al computer si nota che invece sono corrette sia cromaticamente che per l'appunto come messa a fuoco.

07_dscn0004.jpg

Qualità immagine

Chiariamo subito un aspetto: la qualità immagine della Nikon Coolpix A300 è indubbiamente buona. Perde punti nel confronto con i moduli fotografici degli smartphone per il semplice fatto che quest'ultimi negli ultimi anni sono diventati davvero performanti.

Se guardiamo i file della Nikon Coolpix A300 sono infatti tranquillamente utilizzabili con soddisfazione sia sul web che per stampe di medie dimensioni. Sul fronte della sensibilità i file sono ottimi alle minime sensibilità di 80 e 100 ISO.

Salendo a 200 e 400 ISO si inizia a notare l'intervento della riduzione rumore, che porta via il dettaglio fine, così come la comparsa di chiazze colorate sulle zone di tonalità neutra. Salendo a 800 e 1600 ISO si perde anche il dettaglio medio e inizia a comparire una grana evidente.

Volendo possiamo spingerci fino ai 3200 ISO, ma la risoluzione viene automaticamente ridotta a 4 Megapixel, indicandone quindi l'utilizzo per solo il web.

23_confrontosmartphone.jpg

Conclusioni

Domanda: ha senso acquistare una compatta di fascia bassa nel 2017? La risposta è: dipende. Le fotocamere compatte di fascia bassa sono infatti diventate un prodotto di nicchia. Ovvero si rivolgono a una ben determinata categoria di utenti.

A chi vuole utilizzare ancora un Nokia 3310, per esempio. Anche a chi ha il terrore di essere spiato online e quindi mette il nastro adesivo nero sulla fotocamera dello smartphone. Oppure al contrario chi ama i social network e vuole avere uno strumento dotato di un vero zoom e di un vero flash per realizzare gli scatti da condividere.

La Nikon Coolpix A300 è un'ottima compatta, ma in quanto compatta di fascia bassa si rivolge a utenti che hanno esigenze particolari. Per la maggior parte degli altri utenti invece la qualità immagine offerta da un Samsung Galaxy S7 ma anche da un più economico Alcatel One Touch Idol 3 risulta più che sufficiente.

Quindi chi cerca di avere una qualità immagine superiore a quella del proprio smartphone deve infatti rivolgersi alle cosiddette compatte evolute, come la Nikon 1 J5: la maggiore superficie sensibile, garantita dal sensore da 1" di questa mirrorless, riesce a fare la realmente differenza.

Piace:
- peso e dimensioni ridotti
- connettività completa
- comodità controllo remoto
- qualità immagine

Non piace:
- display che rende difficile inquadrare se inclinato oppure in condizioni di forte illuminazione
- configurazione connettività non particolarmente immediata

  • shares
  • Mail