Visa d'oro per il fotoreporter dell'anno a Perpignan


C'è un grande festival internazionale, interamente dedicato al fotogiornalismo, che gioca le sue migliori carte proprio in queste frizzanti settimane di settembre. Parliamo dell'edizione 2012 del "Visa pour l'image", evento a cadenza annuale stabilitosi in quel di Perpignan dal "lontano 1989". Si tratta di un appuntamento intenso che gioca su diversi territori della fotografia e che sarà aperto al pubblico fino al 16 settembre, con education week dal 17 al 21. Molteplici le esposizioni (ben ventisette in totale) ripartite un po' ovunque sul territorio cittadino, e naturalmente i reportage, realizzati da giornalisti provenienti dai quattro angoli del mondo e riuniti per riassumere gli avvenimenti cruciali delle stagioni più recenti, ma non solo.

Serate a tema, conferenze, incontri e proiezioni en plein air nella sontuosa cornice medioevale del chiostro du Campo Santo completeranno l'insieme con un surplus di elementi ad alto tasso di interesse estetico e concettuale, esaltando il fervore che gravita intorno al prestigioso premio Visa d'Or, diviso nelle categorie: News, Magazine, Stampa quotidiani e Prix de la Ville de Perpignan Rémi Ochlik (in onore del giovane fotografo francese morto in Siria). Non male per la città che Salvador Dalì, di passaggio nel 1963, non esitò a dichiarare "centro dell'universo", sottolineando che le sue migliori idee erano nate proprio mentre aspettava seduto nella sala d'attesa della stazione dell'ex capitale della Catalogna Francese.

Via | visapourlimage.com

  • shares
  • Mail