Emerging Talents 2017: Call Exhibition + Screening al MACRO

Emerging Talents 2017 seleziona i progetti della "Call for Exhibition + Screening" per lo spazio FACTORY del MACRO - Museo di Arte Contemporanea di Testaccio

"Passato, Presente, Futuro" sono una questione di prospettiva, anche per la terza edizione Emerging Talents, con la "Call for Exhibition + Screening" a caccia di un progetto da esporre nello spazio FACTORY del MACRO - Museo di Arte Contemporanea di Testaccio, contemporaneamente ai 5 selezionati per essere proiettati nella stessa sede, dal 2 al 17 Dicembre 2017.


Da che prospettiva ci poniamo per osservare il mondo che cambia repentinamente davanti ai nostri occhi? La fotografia contemporanea è uno dei mezzi per dipanare questo groviglio. Usa gli archivi e la memoria per riportare alla luce il passato, interroga il web e le nuove tecnologie per frugare nel nostro presente, usa l’osservazione partecipante per documentare infinite realtà, ed imprimerle nella memoria. Può uno scatto, l’immagine del presente che si ferma, far vivere insieme il passato e il futuro?

Per rispondere alla domanda e aspirare all'esposizione al Museo di Arte Contemporanea di Roma, come per la passata edizione (gallery di apertura), basta partecipare alla CALL del progetto espositivo ideato e curato da Sarah Carlet e Arianna Catania di PhotoTales, inviando un max di 20 foto del progetto entro il 5 Novembre 2017, seguendo il regolamento del bando riportato anche nel box a scomparsa di seguito.

Emerging Talents: bando 'Call for Exhibition + Screening'


Il Festival Emerging Talents e il concorso “Call for Exhibition + Screening” sono un progetto dell’Associazione Culturale PhotoTales.

CALL FOR EXHIBITION + SCREENING
Tema: Passato, Presente, Futuro

"C’è chi unisce il mondo tramite il web e chi usa internet come meccanismo di controllo; c’è chi fa democrazia in rete e chi vuole fondare uno Stato medievale su base confessionale; c’è chi inventa tecnologie capaci di risolvere i problemi dell’uomo e chi con queste minaccia di distruggere l’ambiente naturale. C’è chi guarda al passato come luogo dell’identità, della memoria, della riscoperta delle proprie radici, e chi dal passato più buio dell’uomo vorrebbe far tornare il fondamentalismo religioso, il razzismo, il nazionalismo. E c’è chi vede nel futuro la possibilità di risolvere tutti i problemi dell’uomo e chi del futuro ha paura, perché nulla e nessuno ci assicura che questo stesso progresso non distrugga la natura, i diritti umani, la stessa democrazia. Perché oggi tradizione e progresso, scienza e catastrofe, speranza e paura, ci avvolgono in un turbine di contraddizioni. La perdita dei confini nello spazio, porta con sé la perdita del senso del tempo storico come di quello individuale, dove il ritmo dei cicli naturali e poi industriali sono spariti, così come la separazione tra il tempo di vita e quello di lavoro, tra momenti individuali e collettivi. È tutto nelle biografie di ognuno di noi, che attraversiamo un’epoca straniamento, alienazione, insicurezza, frustrazione. Ma anche piena di intuizione, ispirazione, sperimentazione e scoperta. E dunque come guardare dal presente al passato e al futuro? Da che prospettiva ci poniamo per osservare il mondo che cambia repentinamente davanti ai nostri occhi? La fotografia contemporanea è uno dei mezzi per dipanare questo groviglio. Usa gli archivi e la memoria per riportare alla luce il passato, interroga il web e le nuove tecnologie per frugare nel nostro presente, usa l’osservazione partecipante per documentare infinite realtà, ed imprimerle nella memoria. Può uno scatto, l’immagine del presente che si ferma, far vivere insieme il
passato e il futuro?

REGOLAMENTO

1. Con l’iscrizione alla Call si accetta automaticamente il presente regolamento.

2. L’iscrizione alla Call è aperta a tutti, singoli autori o collettivi, professionisti o amatori, dai 18 anni compiuti.

3. Sono richieste fino a un massimo di 20 foto nominate nel seguente modo:
nome.cognome_titoloprogetto_01

4. Si accettano file sono in formato .jpg a 72 dpi, 2000 pixel sul lato lungo.

5. Per partecipare alla Call bisogna prima procedere al pagamento della quota di iscrizione di 15€ sul sito www.emergingtalents.it via PayPal o tramite bonifico bancario. Una volta effettuato il pagamento, verrà inviata una mail per scaricare il modulo di partecipazione. Successivamente sarà possibile inviare i materiali (immagini, modulo di partecipazione ed eventuale ricevuta di pagamento nel caso di bonifico) esclusivamente in formato digitale tramite Wetransfer entro e non oltre il 5 novembre 2017 all’indirizzo email: call@emergingtalents.it. L’organizzazione potrebbe richiedere il codice di transizione inviato da PayPal.

6. In caso di pagamento con bonifico bancario, la ricevuta dovrà essere inviata 5 giorni prima della scadenza del bando.

7. Una volta effettuato il pagamento, la quota non potrà essere rimborsata.

8. L’autore del progetto selezionato per la mostra si impegna, pena esclusione, a fornire i materiali in alta risoluzione entro 2 giorni dalla comunicazione che avverrà nei giorni successivi al 10 Novembre 2017.

9. Tutte le domande verranno selezionate dalla giuria di professionisti convocata da Emerging Talents che decreterà i vincitori. Le decisioni sono insindacabili.

10. I partecipanti acconsentono che i dati personali (nome, numero di telefono, indirizzo mail) siano utilizzati nell’ambito di questo concorso fotografico e che non vengano diffusi in maniera impropria.

11. Emerging Talents si impegna ad accompagnare ogni immagine diffusa o pubblicata sul proprio sito e sulla comunicazione dal nome dell’autore e dal titolo del lavoro.

12. Emerging Talents si riserva la possibilità di includere in futuro le immagini vincitrici in proiezioni presso altre istituzioni o festival, avvisando in ogni occasione l’autore, senza compenso alcuno, se non previsto dall’istituzione/festival.

13. Ogni fotografo mantiene sempre i diritti d’autore delle immagini e del lavoro.

14. Ogni autore riconosce di: 1) avere la paternità e l’originalità delle immagini, cioè essere l’unico proprietario delle fotografie 2) che le fotografie non presentano alcun contenuto contraffatto, falso o offensivo per nessuna cosa o persona 3) che non contengano materiale che violi la legge o la privacy di nessuna persona.

15. Ogni autore dichiara che ogni persona ritratta nella fotografia ha dato il proprio consenso.

16. Emerging Talents non si assume responsabilità alcuna per informazioni imprecise o incomplete, causate da terzi. Inoltre non si assume responsabilità per malfunzionamenti tecnici, di connessione, mancato recapito di qualunque email, che possano limitare o ostacolare l’invio dei materiali.

17. L’organizzazione di Emerging Talents si impegna a realizzare a proprie spese l’allestimento,
la comunicazione e i materiali per la promozione interna della mostra attraverso i propri canali
di comunicazione. Si impegna a custodire le stampe dopo il termine della mostra, per eventuali future esposizioni, sempre da concordare con l’autore. Dopo il termine della mostra che avrà sede al MACRO di Testaccio di Roma, l’organizzazione non ha obblighi di alcun tipo con l’autore, salvo custodire in maniera adeguata le stampe.

18. L’organizzazione di Emerging Talents si impegna a realizzare la mostra presentata e selezionata tramite la call di Emerging Talents 2017 nel formato e nel materiale che verrà ritenuto opportuno, anche in considerazione dello spazio messo a disposizione dal MACRO di Testaccio di Roma.

19. I partecipanti acconsentono che le informazioni inerenti il progetto fotografico (immagini, nome e cognome dell’autore, titolo del lavoro) vengano diffusi in canali web e cartacei a scopo promozionale e divulgativo, anche dopo la conclusione della mostra, in ambiti strettamente legati al progetto fotografico selezionato nell’ambito di Emerging Talents e/o per promozione delle attività di Emerging Talents, ove necessario e inerente con il progetto, a fini promozionali e pubblicitari, senza compenso alcuno.

20. Il presente regolamento potrebbe subire modifiche o integrazioni in qualsiasi momento.

Emerging Talents Call for Entry: finalisti

La giuria composta Ilaria Campioli, Michael Sargeant, Marion Hislen, Marina Paulenka, Helena VO, Agata Zubrzycka, Arianna Catania, ha selezinato i finalisti della Call for Entry Exhibition + Screening:

Alba Zari, Alexey Shlyk, Alnis Stakle, Andrea Roversi, Benedetta Ristori, Elena Bundurakis, Ele Scope, Emanuele Camerini, Fabrizio Bilello, Flavia Rossi, Iacopo Pasqui, The Live Wilde collective, Michela Frontino, Marjolein Blom, Michele Vittorii, Miia Autio, Nicola Avanzinelli, Simona Pampallona, Simone D'Angelo, Nina Viviana Cangialosi.

Tra di loro è stato scelto il progetto al quale sarà dedicata una mostra al MACRO Testaccio - Spazio Factory, dal 2 al 17 Dicembre 2017: "I called out for mountains, I heard them drumming" della della fotografa finlandese Miia Autio.

«Ho ritratto 11 rifugiati ruandesi davanti ai paesaggi in cui vivono in diversi paesi d'Europa e ho chiesto a loro di descrivere un posto in Ruanda di cui hanno un forte ricordo; ho viaggiato nei paesaggi dei loro ricordi per fotografarli; io potevo viaggiare, loro no. Insieme, i ritratti e i paesaggi formano un'entità stratificata che si muove tra passato e presente».

I cinque, o meglio i sei (con un ex aequo) progetti selezionati per la Call Screening sono:

"The Y" di Alba Zari
"The Appleseed Necklace" di Alexey Shlyk
"Shelter" di Alnis Stakle
"*Rewilding countryside* (Once this was all countryside)" di Simona Pampallona
(ex aequo) "Looking for Summer in the Middle of My Adulthood" di Elena Bundurakis e "Ishull Calypso" di Viviana Cangialosi.

Foto | Emerging Talents 2017: vincitori "Call for Exhibition + Screening"
Via | Emerging Talents 2017

  • shares
  • Mail