Fujifilm X-T30: nel cuore è una X-T3!

New York, 14 febbraio 2019. Fujifilm rinnova la gamma completando la coppia X-T3 - X-T30 e rimpiazzando la X-T20 con un modello ricco di novità ereditate dalla sorella maggiore.

La X-T30 monta infatti l'X-Trans CMOS 4 da 26,1 megapixel, ultimo APSC di casa Fujifilm, cresciuto nella risoluzione e con pixel a rilevamento di fase presenti su tutto il campo. Anche il processore è lo stesso che troviamo sulla X-T3: il Quad-Core X-Processor 4, che si fa sentire soprattutto nelle prestazioni dell'AF. Raddoppia infatti rispetto alla X-T20 la velocità nel rilevamento e nel tracking dei volti e degli occhi nei soggetti in movimento, può inoltre essere scelto il volto da agganciare quando nel campo ce ne sono diversi. L'autofocus offre ottime prestazioni anche in condizioni di luce difficili, il suo range è infatti compreso tra i -3EV ed i +0,5 EV. La sensibilità ISO invece parte da un valore nativo minimo di 160, che diventano 80 in modalità estesa. Non mancano caratteristiche "pro" come il Focus Lever, che consente di passare rapidamente e facilmente ad un punto di messa a fuoco.

A tutto questo si aggiunge un comparto video molto avanzato, derivato proprio da quello della X-T3. X-T30 può infatti girare in 4K DCI fino a 25/30fps o in Full HD fino a 120 fotogrammi al secondo e l'uscita HDMI permette di registrare in presa esterna a 10bit in 4:2:2. Utili e presenti sono infine le simulazioni pellicola e gli effetti applicabili in fase di scatto.

Tutto questo è racchiuso in un corpo macchina molto compatto, che cambia poco rispetto a quello della X-T20: design accattivante, ghiere e selettori sulla parte superiore per intervenire su modalità di scatto, esposizione e compensazione esposizione. Come da rumors è cambiato leggermente il layout del posteriore, dove il d-pad cede il posto ad un piccolo joystick ed il tasto Q viene spostato in una posizione più comoda da raggiungere con il pollice. Il mirino OLED ha 2,36 milioni di punti mentre il display LCD tiltabile ne ha 1,04 ed è dotato di touch.

La nuova Fujifilm raccoglie in sé l'essenziale della X-T3, qualità d'immagine e prestazioni molto simili nell'autofocus. Questo vale anche per quanto concerne il lato video: numerosi i progressi e le novità che hanno accompagnato questa nuova generazione, resi finalmente disponibili ad un pubblico più vasto. Sembra che la sua diretta competitor debba essere proprio la Sony A6400. Sarà disponibile a primavera, con un prezzo che supererà di poco i 1000 euro in kit con il 15-45.

  • shares
  • Mail