"Portfolio", la collettiva fotografica di spessore

Portfolio allo Shenker
Ci sono notti in cui tutte le immagini viste durante il giorno si riassumono in un unico album. Una specie di raccolta che da forma nuova all'esistenza e si propone a mo' di quaderno dei ricordi, aperto e un po' consunto, con i suoi angoli sbriciolati, le ombre del tempo, le macchie delle cose che furono e gli spazi bianchi che attendono ancora di essere riempiti. Se avessi voluto dare sostanza concreta ad una tale elaborazione mentale di un cervello in continua ricerca di pace, probabilmente il risultato finale avrebbe avuto una forma molto simile a quella della mostra che sarà inaugurata il 16 ottobre prossimo presso lo Shenker Culture Club di Roma, a cura di a Donatella Pistocchi e Ombretta Orlandini.
Un'esposizione, organizzata in collaborazione con Peliti Associati e con il patrocinio di Roma Capitale, che palesa le sue più intime "intenzioni kantiane" già nel suo titolo: "Italian photographers Portfolio", raccolta di scatti di Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Antonio Biasiucci, Luca Campigotto, Giorgia Fiorio, Paolo Pellegrin, Massimo Siragusa, che ripercorre un bel pezzo della storia fotografica versione nostrana.
Portfolio allo Shenker
Portfolio allo Shenker
Portfolio allo Shenker
Portfolio allo Shenker

Sette interpreti della realtà nazionale, rappresentati dai sei foto chiave, scelte e composte per diventare veri e propri "oggetti da collezione", grazie ad apposite edizioni numerate. La galleria proporrà infatti un numero limitato di 75 cartelle per ogni autore. Editi da Peliti Associati e con il frontespizio firmato, i "cofanetti" conterranno le sei stampe, realizzate con inchiostri dalla conducibilità elettrolitica su carta Hahnemühle Baryta FB 350, e pronte a imprimersi nella memoria.

Via | shenker.com

  • shares
  • Mail