Come catturare immagini in movimento


La fotografia per definizione immortala un singolo istante di vita, ma a volte non lascia molto spazio per capire cosa stava accadendo prima di quel momento. A volte è necessario cercare di comunicare il senso del movimento a chi guarderà la foto.

Molti fotografi scattano foto che ritraggono un movimento solo quando c'è qualcosa che effettivamente si muove, ma il movimento può essere usato anche per accentuare il senso dello scatto.

La velocità a cui regoliamo l'otturatore gioca un ruolo fondamentale in questo tipo di fotografia. Aumentando o diminuendo il tempo di esposizione il nostro soggetto sarà, rispettivamente, più sfocato o a fuoco. Possiamo raggruppare tutte le immagini in due gruppi:

1. Soggetto sfocate e sfondo a fuoco
Se prendiamo come esempio un treno che si sposta al limitare di viale alberato, usando un tempo prolungato di scatto si può lasciare a fuoco le foglie, ma dare il senso del movimento al treno. Un esempio più comune sono le scie delle luci delle auto durante gli scatti notturni.

2. Soggetto a fuoco e sfondo sfocato
Utilizzando ancora il nostro treno scambiamo il risultato del operazione. Anziché utilizzare un treppiedi seguiamo con la macchina fotografica il treno, facendo panning, e nella foto avremo il treno a fuoco e gli alberi sfocati.

Come sempre ogni consiglio o regola non è scolpita nella pietra, ma solo un punto di partenza da adattare ai propri bisogni. A volte anche un'immagine completamente a fuoco può dare l'idea del movimento se l'azione è chiaramente espressa dal soggetto in quell'istante.

Un'ultima tecnica che si può utilizzare è fare un fotomontaggio di una raffica di scatti ripresi con il soggetto in movimento. In questo modo all'interno dell'inquadratura avremo tutte le fasi salienti dell'azione.

Foto | Pro-Zak
Via | DPS

  • shares
  • Mail