Leica Monochrome e 50 mm summicron f/2 APO a teatro

Le Leica M sono state sempre molto usate dai fotografi di scena per via della silenziosità dello scatto grazie all'assenza dello specchio per cui mi è sembrato naturale testare la Leica Monochrome durante il festival Primavera dei Teatri che si è svolto a Castrovillari dall'1 al 4 novembre.

Essendo il fotografo del festival posso muovermi liberamente anche grazie al fatto che le compagnie teatrali mi conoscono e sono ben felici di avere qualche mia foto "gratis" dei loro spettacoli. Forse non tutti sanno infatti che la crisi del teatro ha colpito anche i fotografi di scena ma di questo argomento parlerò a breve in un articolo dedicato proprio a quanto le compagnie teatrali investono nelle foto.

Il 50 mm summicron f/2 apo è idoneo a scattare foto in una simile situazione. Consente infatti di non dovermi avvicinare troppo agli attori mantenendo nel contempo una resa prospettica di quanto avviene sul palco molto vicina a quella che avrà lo spettatore.

Diciamo subito che è impossibile pensare di scattare foto durante gli spettacoli visto che bisognerebbe scattare da bordo palco e non essendo dotati del dono dell'invisibilità daremmo molto fastidio agli spettatori. Meglio andare a fotografare durante le prove o durante performance messe in scena solo per scattare le foto e per pochi amici.

La Monochrome al contrario delle reflex o delle mirrorless di tutte le marche mi lascia poca scelta su come impostare la macchina. Uno dei punti fissi sarà il diaframma che vista la poca luce disponibile imposterò su f/2 contando sull'elevata qualità dell'obiettivo (che ricordiamoci costa 6000 €). Decido poi di impostare i tempi manualmente e di affidare la scelta dell'iso alla macchina scegliendo da menù "AUTO ISO" e impostando l'iso a 10000. Preferisco avere una foto con un po' di "granachefatantofotoscattataconpellicola" che un mosso non desiderato. Se deciderò di sottoesporre o sovraesporre userò la comoda ghiera, a portata di pollice della mano destra, posta sul dorso che però, sempre da menù, ho impostato su "scatto+ghiera", in pratica per attivarla devo leggermente premere il pulsante di scatto. Qualora volessi usare un tempo più lungo per avere un effetto "movimentato" o un tempo più veloce per congelare una azione (luce permettendo) agirò sulla ghiera dei tempi e verificando... e ora nascono i problemi.

Impostando la macchina in manuale nel mirino non vedrò il tempo impostato ma solo due freccette che mi aiutano a capire se dovrò aumentare o diminuire l'esposizione ed un pallino rosso che mi dice che è ok. Sarà che non ho letto il libretto di istruzioni ma non trovo il modo di vedere che tempo userò in manuale. Decido allora di passare in A (sarebbe la classica priorità di diaframma) e di impostare da menù "AUTO ISO" iso 10000 tempo di 1/30. Se la situazione sarà statica imposterò 1/8 se più dinamica 1/60. Ora almeno vedo che tempo utilizzo, nel caso vedrò la scritta che indica il tempo di scatto lampeggiare vorrà dire che sono sceso al di sotto del tempo di sicurezza che io avevo impostato. tanto posso sempre sovraesporre o sottoesporre usando la ghiera sul dorso.
Mettere a fuoco è relativamente semplice, certo più lento di quanto avviene in autofocus con le mie rumorose reflex full frame ma alle basse luci sicuramente più veloce di molte mirrorless. Il mirino è luminoso e l'incavo presente sulla ghiera di messa a fuoco accoglie perfettamente l'indice della mia mano sinistra consentendo una messa a fuoco comoda e precisa.

Il file sono belli, le ombre ricche di dettagli e le luci non bruciate, anche ad iso elevati la "grana" non infastidisce. Il rumore dello scatto è attenuato impostando la macchina su scatto singolo ed impostando da menù "Scatto-Discreto+Soft".

È bene ricordare che nel mirino io vedrò "tutto a fuoco" mentre il file, specialmente usando diaframmi aperti, mostrerà un soggetto a fuoco e il resto più o meno sfocato.

Ricordiamocelo se ci capiterà di scattare con un apparecchio a telemetro (o con una compatta che ha il mirino galileiano).

Via | Leica Monochrome

  • shares
  • Mail
25 commenti Aggiorna
Ordina: