Eric Valli tra i cacciatori di miele del Nepal

Honey hunters Eric Valli

Tra tutte le cose che regalano dolcezza ed energia alla mia esistenza c'è il miele, di ogni tipo, usato in tanti modi, che arriva da tutto il mondo, anche dalle colonie di api selvatiche dell'Himalaya. Un luogo dove la deforestazione rischia di stravolgere l'habitat dell'Apis Laboriosa, un grosso esemplare della specie che arriva a misurare fino a 1,2 pollici, costruisce alveari ad alta quota e pregiato miele rosso in quelle più alte della catena himalayana del Nepal, con inevitabile ricaduta sui ritmi di raccolta.

Una raccolta praticata da millenni due volte l'anno, dalla tribù dei Gurung e uomini come Mani Lal, protagonista del reportage realizzato nel 1987 dal fotografo francese Eric Valli, appeso lungo una scogliera di 395 metri, vincitore del World Press Photo Award.


Honey Hunter, è un reportage mozzafiato sulla raccolta di miele selvatico ad alte quote, praticata con una tecnica tramandata da generazioni, appesi ad alta quota lungo la parete rocciosa, usando canne di bambù per rimuovere gli alveari e pulegge per trasportarli. Una tecnica antica della quale Mani Lal rischia di essere l'ultimo depositario.

"Il mio nome è Mani Lal, sono l'ultimo cacciatore di miele. Presto mi ritirerò e nessuno dei miei figli mi succederà".

Un reportage apparso sul National Geographic, documentato da un libro, e dal documentario diretto da Diane Summer, moglie australiana del fotografo, che a dire il vero era un avvocato quando ha incontrato Valli su un bus nepalese, ma prima di realizzare Honey Hunter aveva già trascorso due anni con lui alla ricerca dei depositari di questa antica tecnica.

Il primo reportage dedicato da Valli a queste tribù di cacciatori di miele, che con Jungle Nomads segue quella nomade Raji a caccia di miele selvatico ai piedi dell'Himalaya, lungo il confine che separa India e Nepal.

Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli
Jungle Nomads Eric Valli

Uno dei tanti reportage e documentari, dedicati a pratiche habitat e popolazioni dell'Himalaya, da questo fotografo, scrittore, documentarista, regista, che lavora per il National Geographic, ha maturato una notevole conoscenza delle vette Himalayane, ha vinto il World Press per Honey Hunters (Chasseurs de Miel, 1987), Children of the Dust (Les enfants de la poussière, 1988), Shadow Hunters (Chasseurs des Ténèbres, 1991) e nel 1999 ha sfiorato l'oscar dirigendo il film Himalaya.

Un fotografo sulla rotta del miele e il mondo che cambia, anche nelle regioni impervie del pianeta, un tempo selvagge, rigogliose e custodi di flora, fauna e pratiche millenarie, a rischio di estinzione. Una cosa sul quale riflettere ogni volta che questa dolce ambrosia sfiora la vostra lingua.

Foto | Honey-hunters - Wird
Foto | Jungle Nomads Iconolo.gy

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: