La Black Marble della NASA fotografa bagliori della notte terrestre

Black Marble NASA

In un viaggio spaziale a 28.000 km dalla terra, dalla Blue Marble alla Black Marble di oggi, non cambia la prospettiva ma la percezione del lato oscuro della terra, con i bagliori del pianeta che non dorme mai, protagonisti di visioni notturne spettacolari (anche quando sono palesi manifestazioni di inquinamento atmosferico).

Visioni che hanno richiesto 312 orbite satellitari intorno alla terra per catturare 2,5 terabyte di immagini, acquisite dal sensore sensibilissimo dell'Infrared Visible Imaging Radiometer Suite (VIIRS) a bordo del satellite NASA Suomi NPP, mappate per ottenere queste foto, che Rebecca Roth del Goddard Space Flight Center della NASA ha definito, tra le più dettagliate mai viste della terra di notte, che ruota nell'animazione a seguire.


Una visione che combina i dati acquisiti per più di nove giorni ad aprile e 13 ad ottobre 2012, per ottenere un'immagine nitida di ogni superficie terrestre, mappata rispetto agli attuali immagini della Blue Marble della Terra, per fornire una visione realistica del pianeta, grazie ai contributi forniti dalla NASA Earth Observatory con quello elaborati dal NOAA National Geophysical Data Center.

The view was made possible by the “day-night band” of Suomi NPP’s Visible Infrared Imaging Radiometer Suite. VIIRS detects light in a range of wavelengths from green to near-infrared and uses “smart” light sensors to observe dim signals such as city lights, auroras, wildfires, and reflected moonlight. This low-light sensor can distinguish night lights tens to hundreds of times better than previous satellites.
Named for meteorology pioneer Verner Suomi, the polar-orbiting satellite flies over any given point on Earth&rsquos surface twice each day at roughly 1:30 a.m. and 1:30 p.m. Suomi NPP orbits 824 kilometers (512 miles) above the surface as it circles the planet 14 times a day. Data is sent once per orbit to a ground station in Svalbard, Norway, and continuously to local direct broadcast users around the world. The mission is managed by NASA with operational support from NOAA and its Joint Polar Satellite System, which manages the satellite's ground system.

Le immagini della NASA Earth Observatory e l'animazione di Robert Simmon, utilizzando dati Suomi NPP VIIRS, frutto della partnership tra NASA, NOAA, e il Dipartimento della Difesa, forniti da Chris Elvidge (NOAA National Geophysical Data Center).

The night is nowhere near as dark as most of us think. In fact, the Earth is never really dark. And we don’t have to be in the dark about what is happening at night anymore either. Steven Miller (Colorado State University)

Via | NASA Earth Observatory / NOAA NGDC

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: