Fotografia professionale analogica, un rischio da evitare?

Mi sono imbatutto in un fotografo che si lamentava di una coppia di futuri sposi: loro avevano giudicato come troppo rischiosa la sua scelta di fare il servizio fotografico del matrimonio interamente in analogico. Nell'era del digitale infatti è ormai consuetudine chiedere al fotografo di turno "mi fai vedere le foto?", potendo quindi verificare in tempo reale i risultati ottenuti.

Quando non c'era il digitale queste domande non si ponevano proprio. I clienti dovevano riporre piena fiducia nel fotografo e nelle sue competenze. Oggi evidentemente questa fiducia non c'è più, mentre ci sono tante "mezze fiducie" date a persone senza la minima esperienza. Poter vedere subito i risultati dà l'idea di poter affidare lavori a chiunque, rassicurati dal fatto che vedere subito gli scatti consente di poter correggere con facilità.

Purtroppo alcuni futuri sposi dimenticano che il giorno del matrimonio è dal punto di vista fotografico estremamente complesso. In una decina di ore si susseguono situazioni di fotografia paesaggistica, di architettura, di still-life, di reportage, di fashion e magari pure di glamour. Il tutto condito da situazione di illuminazione imprevedibili e continuamente variabili.

Lavorare in queste condizioni vuol dire avere esperienza, vuol dire avere una perfetta conoscenza della propria attrezzatura, vuol dire essere sicuri di quel che si sta facendo in ogni istante. Poter controllare gli scatti sul display aiuta sicuramente anche il professionista, ma non è quello a fare la differenza. Il mio consiglio è quindi è di non guardare che attrezzatura usa il fotografo.

Per scegliere un fotografo, specialmente nel giorno più importante della propria vita, c'è solo un aspetto a cui prestare attenzione. Il suo portfolio. Vedere come affronta i matrimoni, dove si posiziona, quando decide che è il momento di scattare, come aiuta gli sposi ad essere a loro agio, questi sono le vere caratteristiche che fanno la differenza tra un fotografo ed un altro.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: