Self Portrait Letters di Kimiko Yoshida

foto di Kimiko Yoshida

Tempo fa parlammo già di questa fotografa giapponese. Kimiko Yoshida lavora con il suo volto, realizzando delle serie che vedono la sua immagine trasformarsi ogni volta.

In questo caso parlo in modo più approfondito di un suo progetto iniziato nel 2003 e ancora in corso tutt’oggi. Si tratta di fotografie del suo volto in primissimo piano, colorato sempre con tinte unite, per mimetizzarsi al meglio con lo sfondo che sta dietro di lei.

Davanti al suo viso ci sono delle lettere o dei simboli tipografici i quali hanno un colore contrastante con lo sfondo. Il risultato deve essere visto nella sua totalità, proprio perché ogni singolo scatto determina una lettera differente e, in alcuni casi, la composizione di frasi fatte con diverse immagini.

La mimesi dell’artista all’interno di ogni scatto contribuisce a una lettura omogenea del suo lavoro, e sicuramente la rende coerente con la sua filosofia fotografica.

Via | fabrik project

  • shares
  • Mail