ARGUS-IS, il sistema di videosorveglianza militare da 1.8 Gigapixel

L'acronimo ARGUS-IS sta per Autonomous Real-Time Ground Ubiquitous Surveillance Imaging System, ovvero letteralmente "sistema di immagini di sorveglianza autonoma onnipresente in tempo reale del terreno". La parola "onnipresente" fa molto "Grande Fratello", ma non deve sorprenderci dato l'utilizzo dichiaratamente militare di questo sistema.

Il progetto è infatti finanziato dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e nel video che trovate in apertura viene mostrato il minimo indispensabile. L'operatore video punta l'obiettivo verso alcune parti nascoste da teli, ma poi torna subito a dedicarsi al maxischermo, dove un ingegnere mostra l'interfaccia tramite la quale è possibile visionare le immagini ed i video ripresi dal sistema ARGUS-IS.

Tramite un'interfaccia tattile, che ricorda scene da film come "Minority Report", è possibile ingrandire una minima porzione di una città di medie dimensioni e vedere chiaramente anche le singole persone. Inoltre il software permette di tracciare sui video anche gli spostamenti di individui ed automezzi. L'ingegnere spiega poi che l'ARGUS-IS è stato realizzato partendo da tecnologie economiche e diffuse.

L'acquisizione di immagini e video viene infatti realizzata sfruttando il modulo fotocamera usato in tanti cellulari e smartphones, ovviamente in quantità impressionante. Vengono infatti usati ben 368 moduli per coprire un'area di circa 24 chilometri quadrati da oltre 6.000 metri di quota, generando un flusso dati di milioni di terabytes.

  • shares
  • Mail