Da Hong Kong a Honkey Kong, strizzando l'occhio al videogioco 2D

Honkey Kong - Christian Aslund

Chi è nato come me nell'eradei videogiochi 2D, è abituato a prospettive che prendono le distanze dal reale, nelle quali basta seguire le frecce e saltare, per aiutare Mario a salvare la principessa rapita dal gorillone Donkey Kong. Prospettive alle quali strizza l'occhio anche il fotografo svedese Christian Aslund con il suo Honkey Kong, tra i finalisti del Sony World Photography Awards 2013, nella categoria professionale dedicata alle campagne pubblicitarie.

Un progetto nato dalla sfida di promuovere le scarpe da ginnastica del brand Jim Rickey, giocando con la percezione dello spazio e la prospettiva dello sguardo, lasciando arrampicare, sospendere e dondolare funamboli umani, in una dimensione urbana ludica e bidimensionale.

Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund

A passaggio e in equilibrio sbilenco nella città parete capovolta alla quale aggrapparsi, con strisce pedonali da scalare, aree non transitabili perfette per la siesta o l'attraversamento del baratro.

L'effetto semplice ma efficace, è frutto di scatti delle strade di Honk Kong, presi dall'alto con un teleobiettivo, ricorrendo all'uso di walkie-talkie per coordinare soggetto e fotografo, immortalando tutto in esterni con il minimo possibile di intervento in post produzione. A quanto pare la parte più difficile dell'intero progetto è stata avere accesso ai tetti per le riprese, problema risolto grazie all'aiuto di due studenti di cinema.

Il colpo d'occhio, consapevole dell'inganno, resta comunque notevole, quanto l'efficacia dell'Advertising che promuovere scarpe per spostarsi in una dimensione urbana, niente affatto prima di ostacoli ed equilibri instabili.

Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund
Honkey Kong - Christian Aslund

Via | Facebbok

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: