Viaggi d'inverno intorno al Mar Nero con Klavdij Sluban alla Petite Poule Noire di Parigi

Inverno sul Mar Nero con Klavdij Sluban, visual

Se si dovesse dargli un altro nome a questo mare che macina nero, la chiamerei il Mare della Malinconia.
Olivier Rollin

Una frase che avrebbe potuto scrivere lo stesso Klavdij Sluban, autore delle foto scattate nei dintorni del Mar Nero che accompagnano l'articolo e riempiono in queste settimane le sale della galleria parigina La Petite Poule Noire, a metà strada tra Place de la République e Place de la Bastille. E forse questo parigino di origine slovena l'ha scritto davvero il suo elogio ad una massa acquatica imponente e pensosa, in un testo poetico che trascende l'aforisma per esplorare le righe dei volti che la lambiscono e la solcano.
Silhouette che riemergono dall'ombra del tempo, stagliando i loro profili della fine degli anni '90 nella fredda aria di febbraio. Gente di Turchia, paesaggi d'Ucraina, e scorci di Moldavia, Romania, Bulgaria e di tutti gli altri paesi che si affacciano su un mare che non è solo interno, ma anche interiore, nel senso più profondo del termine.
Inverno sul Mar Nero con Klavdij Sluban, 05-02-23, Turquie 1999, © Klavdij Sluban
Inverno sul Mar Nero con Klavdij Sluban, 03-46-04, Odessa 1998, © Klavdij Sluban
Inverno sul Mar Nero con Klavdij Sluban, 01-17-09 Istanbul 1997, © Klavdij Sluban
E dopo l'intimità familiare di Guillaume Binet, altre cinquanta fotografie iscritte nella dinamica dei cicli lunghi, coerentemente professata da Sluban, si susseguono silenziosamente, come i fotogrammi di una scena quasi acquatica.

"Detesto viaggiare" diceva l'uomo con le suole di vento. E nonostante ciò, Klavdij Sluban ha il viaggio nei geni. Porta in sé la memoria di popoli abituati ad esser strappati dalla loro stessa vita, a lasciare tutto, cacciati dai capricci della storia o spinti da una necessità interna. E proprio colui per il quale ogni partenza è una ferita, non smette di affrontare il mondo.

Si ringrazia per la gentile collaborazione la Galerie La Petite Poule Noire.

Via | lapetitepoulenoire.fr

  • shares
  • Mail