World Press Photo 2013 in mostra alla Carla Sozzani di Milano

Ogni edizione del World Press Photo da oltre cinquant'anni porta in evidenza e in mostra le immagini dei nostri tempi, insieme a considerazioni e polemiche su ciò che è lecito fotografare e soprattutto come. Una tradizione che si è rinnovata con l'ultima edizione del prestigioso concorso internazionale, a partire dall'eccessivo uso di dolore e post produzione attribuiti al vincitore del World Press Photo 2013, con la "Foto dell’anno 2012" dello svedese Paul Hansen, che ritrae il funerale palestinese per le vie di Gaza dei due bambini uccisi in un attacco missilistico israeliano.

Considerazioni e riflessioni che non lesinano gli abolizionisti, e continuano con la mostra itinerante delle fotografie vincitrici, pronta a far tappa in 45 paesi, da quella inaugurale ospitata al De Oude Kerk di Amsterdam, dal 26 aprile al 23 giugno 2013, a quella che resta al Museo Eretz Israel di Tel Aviv, dal 5 dicembre 2013 al 18 Gennaio 2014, passando per l'italiana alla Galleria Carla Sozzani di Milano, dal 4 maggio al 2 giugno 2013. Tante mostre per tutte le fotografie vincitrici, che oggi continuiamo a sbirciare con gli scatti nella gallery e nel video, dopo aver dato uno sguardo ai vincitori italiani.


Un piccolo anticipo sul pianto di Aida recuperata dalla macerie della casa bombardata dall'esercito siriano che ha ucciso figli e marito, fotografata da Rodrigo Abd, 1 ° premio single delle Notizie generali, e 3 ° a Dominic Nahr per la foto del cadavere del soldato del Sudan Armed Forces che galleggia in una pozza di petrolio che riflette il cielo.

La raccoglitrice di rifiuti nella discarica di Dandora che si concede la lettura dei libri che trova, 1 ° premio single della categoria Contemporary Issues per Micah Albert. Il ritratto del piccolo serbo sopravvissuto alla caduta dal sesto piano, che ha ucciso i genitori a causa di quei problemi finanziari generati della crisi seguita alla guerra nella ex Jugoslavia, 1 premio single nella categoria ritratti per Nemanja Pancic.

La guardia armata pagata per vegliare sulla squadra di basket femminile del Suweys nella capitale somala devastata dalla guerra, 1 Premio nella categoria storie di Sport per Jan Grarup. Il 1 ° premio delle Storie della categoria Natura con tutta le velocità e destrezza dei Pinguini imperatore fotografati da Paul Nicklen, e 1° premio single delle categoria Natura attribuito da Christian Ziegler, per il l Cassowary in via di estinzione che si nutre del frutto blu dell'albero Quandang.


Foto | KyivPost

  • shares
  • Mail