Anticorpi di Antoine d'Agata al BAL di Parigi


A dieci anni dalla sua memorabile esposizione alla galleria VU' Antoine d'Agata ritorna a Parigi, ma stavolta presso le sale del BAL, dove i suoi lavori sono esposti fino al 14 aprile 2013 a cura di Fannie Escoulen e Bernard Marcadé, che si sono immersi in un vasto e denso corpus di immagini e testi, per distillare l'essenza della materia rappresentata. Il risultato è una mostra strana e estraniante, che descrive i corpi come gli "Anticorpi" del titolo e ne analizza, in maniera quasi clinica, l'inquietante prossimità.
In un ambio muro di giustapposizioni, scomposte e ricollocate una accanto all'altra con una violenza estetica che dice tutto il loro portato eversivo, gli scatti non si privano di niente.
Nello spazio dell'immagine le forme si torcono, impallidiscono, camminano e danzano, in un incedere incessante, ma ritmico, colto nei rari momenti di pausa, come nel turbinio nevrotico dell'accadere. Come particelle impazzite di una ferinità inaudita.

L’installazione rende conto dell'ampiezza dell'opera, delle domande sulla quale si fonda e della posizione di un uomo che capace di donare all'esperienza estrema di se stesso e dell'altro, un potere rivelatore. Tale deriva assunta coscientemente e deliberatamente come ultimo dispositivo di resistenza, da vita all'opera per farne un solo ed unico oggetto, quell'oggetto-corpo che utilizza per dire l'alienazione contemporanea.
L’innumerabile, l'indicibile, lo stupore, l'estasi, il mutismo, sono le figure che tradiscono il rapporto che l'opera d’Antoine d’Agata intrattiene con la morte, limite al quale si rivolge e contro il quale si aizza.

Il cuore espositivo del progetto Anticorps d’Antoine d’Agata è accompagnato e completato da un omonimo libro contenete più di 2000 fotografie, pubblicato in gennaio per le éditions Xavier Barral.

Nel video la prima parte della discussione-conferenza tenutasi il 26 gennaio 2013 presso il BAL alla presenza di Antoine d'Agata, Bernard Marcadé, Léa Bismuth e Fannie Escoulen.

Via | le-bal.fr

  • shares
  • Mail