Lectio magistralis con Oliviero Toscani, Ferdinando Scianna, Giorgio Lotti, Settimio Benedusi, Mimmo Jodice, Toni Thorimbert

Con mezzo secolo di esperienza e Giovanni Gastel come nuovo presidente, attento alle nuove generazioni di professionisti quanto alle potenzialità e implicazioni alle nuove tecnologie, l’AFIP - Associazione Fotografi Italiani Professionisti, porta alla Triennale di Milano (viale Alemagna 6), un ciclo di incontri a ingresso libero e gratuito sulla fotografia e dintorni, dal 18 aprile al 27 giugno 2013.

Lectio magistralis di fotografia e dintorni, inaugurate parlando di magnifico fallimento con Oliviero Toscani, giovedì 18 aprile, alle ore 19.00, e rinnovate con cadenza quindicinale, il giovedì alle ore 19.00, da chiacchierate altrettanto stimolanti con Ferdinando Scianna, Giorgio Lotti, Settimio Benedusi, Mimmo Jodice, Toni Thorimbert.

Un ciclo di incontri introdotti da giornalisti e critici letterari come Giuseppe Di Piazza, Antonio D’Orrico, e Daniele Bresciani, il designer Fabio Novembre, ma anche dj e conduttori televisivi e radiofonici come La Pina, Alessandro Cattelan, e la Gialappa’s band, e gli attori Lella Costa, Giorgio Ginex e Marcello Cesena.

Per l'esattezza il 2 maggio si parla del Mestiere di Fotografo con Ferdinando Scianna, nella conversazione introdotta dalla Gialappa's Band e stimolata da Giuseppe di Pioazza. Il 16 maggio Giorgio Lotti parla di Fotogiornalismo e ricerca, nella conversazione introdotta da Marcello Cesena e stimolata da Antonio Dorrico. Il 30 maggio Settimio Benedusi parla di Come diventare un grande fotografo senza esserlo, nella conversazione introdotta da Giorgio Ginex e stimolata da Fabio Novembre.

Il 13 giugno Mimmo Jodice parla di Città sublimi, nella conversazione introdotta da Lella Costa e stimolata da Daniele Bresciani. Infine il 27 giugno chiude il ciclo di Lectio magistralis Toni Thorimbert con le Ispirazioni introdotte da alessandro Cattelan nella conversazione stimolata da La PIna.

Una proposta intrigante sia nei contenuti che nello stile, in linea con la filosofia e le attività dell’AFIP, ribadite dal suo nuovo presidente, il fotografo Giovanni Gastel:

"Lo stile è, come le impronte digitali, già presente in ciascuno di noi. AFIP si propone di aiutare i giovani fotografi nella ricerca di sé stessi attraverso la cultura, lo studio e la conoscenza diretta di grandi professionisti".

Via | AFIP

  • shares
  • Mail