Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano

Nulla è come appare, ma "Actuality" resta in mostra al PAC di Milano, sino al 9 giugno 2013, con le opere fotografiche di Jeff Wall, che mettono in scena la finzione del reale, la 'forma' della memoria e la contemporaneità dell'Attualità.

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - INSOMNIA - 1994

La lotta di un uomo in cerca della via di fuga del sonno, bloccato da mobili e accessori di una cucina ricostruita in studio, diventa metafora della mente che affastella memorie e smarrisce il confine tra finzione e realtà, protagonista dell'Insomnia (1994) di Jeff Wall, e della mesa in scena del reale che da 'forma' alla memoria, in un mondo dove nulla è come appare.

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - Diagonal Composition, 1993

Un fotografo, un "pittore della vita moderna", per chi preferisce citare Charles Baudelaire, che cuce sguardi e stadi avanzati di realismo per restituire "Attualità", attraverso foto e lightbox retroilluminati, ispirati al linguaggio pubblicitario tipicamente americano, senza lesinare reminescenze pittoriche che pensano a Mondrian quando inquadrano la composizione diagonale di un piano lavabo (Diagonal Composition, 1993) liso e consumato dalla realtà come la saponetta che ospita, alle tinte e le pose di Degas per Authentications, After ‘Spring snow’ by Yukio Mishima, chapter 34, a Rue de Paris, temps de pluie di Gustave Caillebotte e le minacce della quotidianità per il celebre Mimic (1982).

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - MIMIC, 1982

Composizioni minuziosamente pianificate, costruite in studio, frutto di prove e interventi di alterazione digitale, per ottenere una lettura stratificata del quotidiano meno sensazionale, che non risparmia violenza urbana, razzismo, povertà, tensioni sociali …

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - SPRING SNOW - by Yukio Mishima, chapter 34, 2000-2005

Opere realizzate dal pioniere della fotografia concettuale o post-concettuale della cosiddetta "Scuola di Vancouver", ospitate al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, fino al 9 giugno 2013, con “Actuality” e 42 opere tra lightbox, stampe fotografiche tradizionali e contemporanee, nella prima retrospettiva italiana del fotografo canadese, curata da Francesco Bonami e prodotta da Comune di Milano – Cultura Moda Design e CIVITA.

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - MORNING CLEANING - Mies van der Rohe Foundation, Barcelona, 1999


«Wall decide di costruire le sue immagini fotografiche come si costruisce un quadro. È il primo degli artisti contemporanei che useranno la fotografia per capire che il mezzo a loro disposizione ha un futuro nella storia dell’estetica solo se si metterà a confronto con la pittura. Ma il confronto che Wall sceglie non è con i propri coetanei ma con i maestri della pittura Moderna, Delacroix appunto, ma in particolare Manet. Jeff Wall diventa, parafrasando il titolo del saggio del 1863 di Charles Baudelaire, “il fotografo della vita contemporanea”. Ma la contemporaneità è per Wall “Attualità”». Francesco Bonami

Jeff Wall/Actuality al PAC di Milano - IN FRONT OF A NIGHTCLUB, 2006

Per la mostra, come di consueto, ik PAC ha in programma attività didattiche gratuite, ideate e organizzate da MARTE e realizzate con il contributo del Gruppo COOP Lombardia, per avvicinare grandi e piccoli al lavoro dell’artista, e una visita guidata gratuita alla mostra, tutte le domeniche alle 17.30.

Via | CIVITA - PAC

  • shares
  • Mail