Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli al Palazzo Viti di Volterra

Dall'Etiopia a Tel Aviv, da Gaza ad Alessandria fino al Burkina Faso passando per Durazzo e per tante altre mete, i volti delle donne del Mediterraneo hanno mille colori e tante espressioni diverse. A riunirle insieme una mostra organizzata presso Palazzo Viti di Volterra, in una carrellata di scatti realizzati dal toscano Pino Bertelli ed esposti con la direzione artistica di Maria Dolores Cattaneo nell'ambito del DoloresArt Laboratory.

Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Marsiglia

Nella suggestiva sede che ospita l'evento fino al termine di maggio 2013, le immagini di ben venticinque donne, che condividono la loro potente origine mediterranea, si lasciano accarezzare gratuitamente dagli sguardi dei visitatori e raccontano le loro storie di vita poco lontana dal Mare Nostrum. Giovani, agili e sognatrici, oppure d'esperienza, segnate a fondo dalle mille emozioni dell'esistenza, con il viso coperto e la pettinatura elaborata, il capo incorniciato o libero, le mani aperte o strette, le spalle delicate, ma larghe e forti, sono sempre loro ad esser protagoniste di un'esposizione che scava nella realtà del centro-sud del globo. Un impasto di voci e di tinte che ben si concilia sulla pellicola e canta la sua dolce melodia in forme sempre e comunque belle.
Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Burkina Faso
Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Tel Aviv
Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Durazzo
Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Gaza
Donne del Mediterraneo di Pino Bertelli, Etiopia

Eredità di migrazioni e di conquiste che hanno fatto del bacino del Mediterraneo un'unica tormentata terra, esaltata e sottolineata dal lavoro del fotografo così descritto da Giovanna Giusti, storico dell’arte della Galleria degli Uffizi e Direttrice dei Dipartimenti Arte Ottocento e Contemporanea che sottolinea:

per desiderio di Pino Bertelli mi trovo – grata - a riflettere sulla determinazione coraggiosa che lo ha condotto ad accostarsi a donne di paesi lontani, che condividono le acque del Mediterraneo. Bimbe, ragazze, adulte, anziane [...] Penso a Pino Bertelli mentre stana le sue prede, a come la caccia pacifica sia orientata da naturale capacità, certo professionale, ma anche da quell'istinto comunicativo del bravo reporter che le ha disposte a corrispondere al suo pensiero, a un progetto di ampio respiro.

Via | doloresart.it

  • shares
  • Mail