Gli esperimenti analogici di Martin Wilson

Foto di Martin Wilson

Ci sono ancora numerosi fotografi che non vogliono abbandonare l’analogico, proprio perché in questo tipo di fotografia vedono ancora tutto il fascino e la bellezza del “fare” di un tempo, e forse anche “l’effetto sorpresa” che la pellicola ancora ci lascia rende tutto molto affascinante e intrigante.

Questo fotografo inglese sembra aver captato questo spirito, e ha realizzato serie fotografiche insolite ma molto suggestive. Martin Wilson si avvale ancora della fotografia analogica, ma lo fa in un modo assolutamente singolare. In pratica studia ogni singolo scatto ancora prima di fare click, dove ogni fotografia della pellicola all’interno della sua macchina fotografica dovrà essere parte di un più grande e complesso mosaico che il fotografo immagina e struttura nella sua mente.

Quando svilupperà il suo rullino, potrà vedere se effettivamente quello che immaginava è riuscito o meno. Il fotografo afferma di non fare alcun taglio o modifica in post produzione, sviluppa l’intero rullino così come viene, scannerizzando e componendo ogni frame della pellicola in sequenza. I risultati sono sorprendenti, egli riesce a creare delle composizioni astratte con dei simboli, dei dettagli e quant’altro, grazie a un occhio allenato e alla sua fantasia, utilizzando però la fotografia come base per le sue sperimentazioni.

Via | drawn

Foto di Martin Wilson

Foto di Martin Wilson Foto di Martin Wilson Foto di Martin Wilson Foto di Martin Wilson Foto di Martin Wilson

  • shares
  • Mail