Le compatte stanno raggiungendo le reflex?

Con gli ultimi dati inseriti all'interno del Dxomark si vede come i modelli di punta delle compatte si stanno avvicinando alla qualità raw delle reflex entry level.

Canon è passata dai 12 megapixel della G9, ai 15 della G10 per poi tornare a 10 megapixel con la G11. Nella G10 il sensore era circa 1/3 di stop più sensibile rispetto al precedente, nonostante avesse pixel più piccoli e la stessa area.

Ma dove sta il vero incremento della sensibilità? Non nella diminuzione del numero di pixel, ma nella lettura dei segnali elettrici e/o nella conversione analogico digitale.

Per capirne i motivi vi consiglio di leggere perché l'aumento di risoluzione compensa l'aumento di rumore su "More pixel offset noise".

La Olympus E-P1, al contrario, ha deciso di incrementare le prestazioni aumentando l'area del suo sensore, ma la tecnologia impiegata non è sicuramente di secondo livello.

La parte più interessante dell'articolo di DxoMark arriva alla fine quando si comparano le prestazioni dei sensori rispetto alla superficie. Prendendo come punto di riferimento quello della Nikon D3X si può calcolare come la Olympus E-P1 in rapporto ha un sensore che ci si avvicina come qualità.

Il risultato eclatante invece è quello ottenuto dal sensore della G11/S90, che perde molto meno del previsto e quindi in rapporto ha una qualità migliore di quello della Nikon D3X.

La conclusione della storia è che per ottenere sensori piccoli e di qualità è necessaria la tecnologia più spinta, ma quando queste innovazioni passeranno anche nei modelli APS-C o full frame? Quale sensibilità raggiungeranno e quali i costi di produzione? Per ora di risposte certe non ce ne sono, ma staremo a vedere come si evolverà il mercato.

Via | DxoMark

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: