Fotocamera polidiottrica


Una fotocamera polidiottrica è una fotocamera in cui fra l'obiettivo ed il sensore viene posto un array di microlenti per catturare maggiori informazioni sulla luce e sulla disposizione spaziale.

In pratica queste microlenti dividono la luce proveniente dall'obiettivo in tante piccole immagini che rappresentano piccole variazioni nell'angolazione. Le informazioni vengono elaborate per ottenere l'immagine vera e propria.

Il risultato più sorprendente, però, è la possibilità, con opportuni calcoli, di cambiare la messa a fuoco dopo lo scatto. Queste ed altre caratteristiche rendono queste fotocamere ideali per oggetti in movimento o fotografia 3D.


Stanford in un esperimento ha realizzato un dorso digitale da 16 megapixel e 90 mila microlenti. Per chi fosse interessato ad approfondire ci sono molte pubblicazioni scientifiche che affrontano il problema e le sue componenti.

Via | OsservatorioDigitale

  • shares
  • Mail