La vendita on line di foto penalizza i Pro

vendere le foto on line

La vendita di immagini di stock on line, di cui si è già parlato, genera un volume d'affari annuale superiore ai due milardi di dollari.

A farla da padrona però non sono più i siti che vendono foto di professionisti ma cataloghi del calibro di Shutterstock, Fotolia o Dreamstime, per non parlare di Flickr ovvero siti di microstock che generalmente vendono immagini di fotografi amatoriali.

La conseguenza è che colossi del calibro di Getty Images o Corbis perdono terreno a vista d'occhio e se vogliono rimanere in prima fila devono aggiungere (come ha appena fatto Getty Images) il settore del microstock al loro business.

[via Webmasterpoint]

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: