Una fotocamera dal macellaio?


Un gruppo di ricercatori giapponesi ha scoperto che analizzando foto agli infrarossi fatte a delle fette di carne è possibile individuare quelle più tenere e gustose.

Il procedimento si basa sulla quantità di acido oleico e bisognerà verificare se funziona veramente con tutti i tipi di carni. Nonostante questo, lo studio apre un nuovo ed interessante scenario per la fotografia che potrà diventare in futuro, ancora una volta, anche un valido supporto per la scelta dell'acquisto migliore.

Un sistema che si spera riuscirà ad arginare il crescente fenomeno delle macchine inteneritrici (praticano migliaia di micro tagli alla carne per renderla più morbida) sempre più utilizzate e che insieme ad un certo tipo di alimentazione sono le cause principali delle bistecche insapore e "restringenti" che affollano, purtroppo, il mercato.

Foto | paPisc
Via | Examiner

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: