Nuovo sensore CMOS da Sony

Sensore Cmos Sony Aps-C

L’imponente investimento che la Sony aveva annunciato per potenziare il settore dei sensori CMOS per le compatte e i cellulari, a quanto pare era solo la punta dell’iceberg.

Infatti la casa nipponica ha presentato “IMX021” un sensore APS-C,da 12.47 Mpixel effettivi, e con una velocità di scatto di 10 fotogrammi al secondo a 12 bit.

La differenza principale tra i sensori CCD finora usati dalla casa nipponica e il sensori CMOS usati e sviluppati principalmente da Canon risiede nel integrazione da parte di questi ultimi di tutti i circuiti necessari al funzionamento del sensore in un unico sistema, consentendo così il funzionamento a tensioni più basse il che si traduce in minore calore e minore rumore.

I sensori CMOS per poter funzionare necessitano del Correlated Double Sampling che in pratica ricuce il rumore separando i segnali, e del convertitore analogico digitale. I sensori attualmente in commercio sono realizzati inserendo un CDS per ogni colonna di pixel e un unico convertitore A/D.

La Sony con il “Column-Parallel A/D Conversion Technique” ha modificato il sistema inserendo per ogni colonna sia il CDS che il convertitore A/D, questo oltre a ridurre ulteriormente le frequenze con una relativa diminuzione del calore e de rumore, consente un elevato aumento della velocità di trasmissione del segnale, che si traduce in questo caso in 12.39 scatti al secondo.

Il nuovo sensore sarà destinato alle fotocamere di fascia medio alta, e sarà seguito molto probabilmente a breve da una versione di maggiori dimensioni. L’inizio della produzione è imminente e verrà affidata al Sony Semiconductor Kyushu Corporation's Kumamoto Technology Center.

Certo che in casa Canon non devono essere giorni felici, visto che le due più dirette concorrenti non si sono fatte problemi a rovinare la festa per la presentazione della EOS 40D.

Schema CMOS Sony

Via | dpreview

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: