Desert di Christine Laptuta

Desert di Christine Laptuta

La fotografia è un vero processo alchemico, tanto più quando le tecniche di stampa intervengono sull’immagine con effetti talvolta casuali, imprevedibili, e per questo ancora più preziosi.

Cercando esempi di stampa al platino-palladio che consente di ottenere immagini in bianco e nero con una gamma tonale straordinariamente ampia, mi sono imbattuta nei paesaggi panoramici di Christine Laptuta.

Con trascorsi da pittore e incisore, e una Holga che con la sua natura ‘rozza e primitiva’ stimola spontaneità, casualità, intuizione, e al contempo consente di impressionare fotogrammi continui su una striscia di pellicola, l’artista di origine canadese realizza qualcosa di molto simile ad un viaggio cinematografico.

Desert di Christine Laptuta
Desert di Christine Laptuta Desert di Christine Laptuta Desert di Christine Laptuta Desert di Christine Laptuta

Meglio ancora, realizza viaggi immaginari capaci di registrare la forza, la bellezza ma anche i momenti transitori e in divenire, di paesaggi naturali ricchi di tutti i punti di vista e il caos che li caratterizza, anche quando un’apparente staticità li cela alla nostra ‘ritardataria’ capacità di percezione.

Panoramiche come quelle di Desert, nella gallery, che con questa tecnica evidenziano la straordinaria ricchezza e varietà di un paesaggio che pullula di vita, forme e sfumature.

  • shares
  • Mail