Marco Vernaschi, una scelta difficile


Negli ultimi anni in Uganda è esploso il macabro fenomeno dei sacrifici rituali di bambini ad opera di sedicenti guaritori. Nonostante la repressione governativa questa atti criminali vengono ancora compiuti.

Durante i primi due mesi di quest'anno Marco Vernaschi stava conducendo un reportage su questi crimini quando incontrò una famiglia che aveva da poco sepolto il corpo mutilato della figlia.

La madre acconsentì alla riesumazione dopo che il Vernaschi spiegò alla famiglia il suo lavoro di denuncia. Dopo aver scattato le foto, il capo del villaggio ha chiesto un contributo per aiutare la famiglia e Marco consegnò tutto quel che aveva in tasta: una settantina di dollari.

Le foto sono state pubblicate (poi rimosse) e sono subito esplose le polemiche. Non è facile prendere una posizione chiara rispetto a questa situazione. Certo è che Vernaschi ha compiuto il suo lavoro di testimone con le foto di questa bambina.

La storia ha visto molte altre fotografie al confine dell'etica con protagonisti i bambini come, ad esempio, le celebri immagini di Eugene Smith, Nick Ut e Kevin Carter.

Voi cosa pensate di questa vicenda?

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: