Polo Nord, dove l'analogico straccia il digitale


Una Leica MP ha resistito alle intemperie durante una spedizione di 60 giorni al Polo Nord riuscendo a registrare immagini impossibili per le fotocamere digitali.

La temperatura durante i quasi 800km del viaggio che aveva lo scopo di raccogliere dati sugli effetti della CO2 sulla vita marina dell'Artico è arrivata anche a -40°C.

Con queste temperature le fotocamere alimentate a batteria non riescono a funzionare o comunque hanno frequenti malfunzionamenti. Le batterie poi devono essere conservate sotto gli strati dei vestiti per rimanere al caldo ed estrarre e riporle per ogni foto può mettere a repentaglio la propria sicurezza.

Via | AmateurPhotographer

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: